La ruggine della melanzana: cos’è e come si combatte

ruggine della melanzana

La ruggine della melanzana è una malattia fungina a cui dovrai prestare particolare attenzione durante la coltivazione di questa pianta.

Sebbene la melanzana sia decisamente semplice da coltivare (qui puoi trovare i nostri consigli), dovrai sempre avere l’accortezza di monitorare le sue condizioni di salute.

In questo articolo ci concentreremo sulla ruggine: cos’è, come prevenirla e come curarla.

Iniziamo!

Melanzana: caratteristiche

Prima di parlare della ruggine della melanzana, facciamo un breve ripasso circa le caratteristiche di questa pianta.

Appartenente alla famiglia delle Solanaceae, la melanzana, o Solanum melongena, è coltivata essenzialmente per il suo frutto commestibile.

ruggine della melanzana

Conosciamo meglio la melanzana in tutti i suoi aspetti, dai fiori ai frutti

È una pianta erbacea che può raggiungere un’altezza compresa tra i 30cm e il metro; i fiori sono solitari, grandi e possono essere violacei oppure bianchi. I frutti, invece, sono delle grandi bacche che possono essere di forma allungata oppure rotonda.

Le varietà possono essere diverse:

  • con frutto allungato viola scuro
  • con frutto violetto
  • con frutto piccolo
  • con frutto violetto e rotondo
  • con frutto violetto enorme
  • con frutto violetto pallido

La ruggine della melanzana: cos’è

La ruggine è, come abbiamo anticipato, una malattia fungina che oltre a un progressivo ingiallimento delle foglie, può arrivare a provocare la morte della pianta.

La melanzana è spesso colpita da questa malattia, ma è in buona compagnia. La ruggine, infatti, colpisce:

Questa malattia è stata identificata per la prima volta nel 1665 ed è causata da alcune specie di funghi appartenenti all’ordine degli Uredinales. Questi sono funghi microscopici conosciuti appunto con il nome di ruggini.

Lo sviluppo della ruggine inizia in primavera, soprattutto se sono presenti le seguenti condizioni:

  • terreni umidi
  • temperature tra i 18°C e i 24°C
  • piante che si apprestano alla fioritura
  • corpi fruttiferi già formati

La diffusione della malattia avviene a causa del vento o degli insetti che possono trasportare le spore in diverse piante ospiti.

Ma vediamo nel dettaglio come la ruggine può danneggiare la tua pianta di melanzana.

Ruggine della melanzana: quali danni?

I danni causati dalla ruggine della melanzana sono, per fortuna, facili da riconoscere:

  • la parte superiore delle foglie viene ricoperta da macchie gialle
  • la parte inferiore delle foglie, in corrispondenza delle macchie gialle, presenta delle pustole rotondeggianti, da cui fuoriescono le spore
  • sempre nella parte inferiore diventa evidente una zona clorotica, caratterizzata da un colorito verdastro

Più a lungo la ruggine verrà sottovalutata o non trattata, più gravi saranno le conseguenze per la tua pianta di melanzana:

  • progressivamente le foglie diventeranno sempre più gialle
  • noterai un arricciamento delle foglie
  • all’arricciamento seguirà il disseccamento
  • alla fine, le foglie cadranno e la pianta risulterà notevolmente indebolita

Nei casi di infestazione molto grave e diffusa, le tue piante potrebbero anche morire. In questo articolo abbiamo preparato per te una guida per difenderti anche dalle malattie fungine che causano la comparsa di muffa.

Ma vediamo ora come puoi combattere la ruggine.

Ruggine della melanzana: prevenzione

Come sempre, quando si parla di orto e colture, ricorda che prima di ricorrere a prodotti chimici esistono delle soluzioni naturali e, prima ancora delle soluzioni naturali, è fondamentale l’opera di prevenzione.

Nello specifico, per quanto riguarda la ruggine, fondamentale è la potatura della chioma: far arieggiare la pianta e far arrivare la luce del sole anche nelle sue parti più interne è molto importante per prevenire non solo la ruggine, ma anche altre malattie parassitarie.

Naturalmente, dovrai sempre avere l’accortezza di eliminare e successivamente bruciare tutte le parti della pianta, o le piante per intero, che sono già state colpite dalla ruggine.

Ricorda inoltre di attuare sempre un corretto piano di rotazione delle colture (non sai di cosa parliamo? Leggi qui!)

E se la prevenzione non fosse abbastanza?

Ruggine della melanzana: cure e rimedi

Abbiamo visto come la ruggine sia una malattia che impiega molto tempo prima di rendersi davvero pericolosa per il benessere nel lungo periodo della tua pianta.

Per questa ragione, non appena dovessi notare i primi sintomi, puoi trattare la pianta con dei rimedi naturali, egualmente efficaci rispetto a quelli chimici, ma molto meno invasivi e distruttivi per l’ecosistema e l’ambiente.

Come prima cosa, puoi utilizzare degli infusi di aglio o d’ortica per innaffiare la pianta; così facendo disinfetterai il terreno e contribuirai a eliminare il fungo responsabile della ruggine.

ruggine della melanzana

Le cure colturali sono un’ottimo modo per fare prevenzione

Per l’infuso d’aglio segui queste semplici istruzioni:

  • sminuzza tre teste d’aglio
  • fai bollire l’aglio in 10l d’acqua per una mezz’ora circa
  • fallo raffreddare
  • versalo direttamente ai piedi della pianta di melanzana

Per quanto riguarda invece l’infuso d’ortica, ecco come ti consigliamo di procedere:

  • procurati 500g di foglie d’ortica
  • falle bollire in 5l d’acqua
  • mescola per bene
  • lascia a macerare il composto per almeno 24 ore
  • versalo sulle radici della pianta

Utile è anche il decotto di equiseto: ti sarà sufficiente far bollire 100g di pianta secca per 1l d’acqua, lasciar raffreddare il composto per poi filtrarlo in un rapporto di uno a cinque con acqua. Il decotto di equiseto può essere usato sia sulle foglie sia sul terreno.

Come ultima risorsa, puoi fare in casa anche la poltiglia bordolese. Ecco come:

  • versa 90l d’acqua in un recipiente non metallico
  • aggiungi 1kg di solfato di rame finché il composto non avrà raggiunto un colorito azzurro e omogeneo
  • versa 100l d’acqua in un secondo contenitore
  • aggiungi 750g di idrossido di calcio e mescola fino al dissolvimento della polvere
  • unisci le due soluzioni versando la seconda nella prima
  • usa immediatamente la poltiglia sulla pianta

Puoi scoprire qualcosa in più circa la poltiglia bordolese in questo articolo.

Pianta di melanzane: quali altri pericoli?

La ruggine della melanzana non è l’unico pericolo dal quale devi guardarti mentre porti avanti questa coltivazione. Importante è soprattutto imparare a differenziare i sintomi, dato che tendono a essere molto simili tra loro.

Ecco quali sono gli altri pericoli:

  • la peronospora, che si presenta con macchie giallastre sulla parte superiore della foglia e con della muffa nella parte inferiore e di cui abbiamo parlato qui
  • il vaiolo, che causa inizialmente delle macchie rotonde di colore verde oliva e successivamente la comparsa di piccoli buchi
  • il ragnetto rosso, che ricopre le foglie di puntini chiari e che puoi conoscere leggendo questo articolo
  • la dorifora, le cui larve si nutrono delle foglie lasciando intatta solo la nervatura centrale, e che colpisce spesso la patata

 

Se vuoi approfondire il capitolo sulle malattie che possono colpire la tua melanzana, abbiamo l’articolo che fa per te.

Ora però conosci tutti i segreti per proteggere al meglio la tua pianta di melanzane. Buon lavoro!

 

 

 

 

 

 

 

 

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


La ruggine della melanzana: cos’è e come si combatte ultima modifica: 2019-10-23T13:31:16+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati