Malattie del ribes: quali sono le principali? Conosciamole insieme.

malattie del ribes

ribes bianco

di Antonino Crapanzano

Sapete quali sono le malattie del ribes?

Se ancora non sapete quali sono, in questo articolo lo potrete scoprire.

Parleremo, infatti, delle malattie che colpiscono più frequentemente le piante di ribes. Vedremo anche quali sono le loro origini, quali sono i sintomi principali che causano, come prevenire le loro comparsa e come possiamo difendere le nostre piante per evitare che muoiano in tempi brevi.

Il ribes in breve

Con il termine ribes (Linnaeus, 1753) si intende un genere appartenente alla famiglia delle Grossulariaceae (de Candolle, 1805). E’ diffuso in tutta Europa, in gran parte del Nord America e nella zona del nord asiatico.

La pianta è un arbusto perenne e cespuglioso che può raggiungere altezze comprese tra 1 e 3 m, a seconda della varietà; dobbiamo sapere anche che il ribes è una pianta decidua e per questo motivo perde le foglie durante il periodo autunnale.

Le foglie sono semplici, formate da 3-5 lobi, glabre nella pagina superiore e coperte di peluria nella parte inferiore, con un picciolo molto sviluppato. I fiori sono autofertili e sono composti da 5 sepali della stessa larghezza dei petali ma lunghi il doppio.

frutti sono delle bacche riunite in grappoli e parzialmente lucide, di forma arrotondata e di colore variabile in base alla varietà coltivata. Le dimensioni dei frutti solitamente non superano il centimetro. All’interno delle bacche di ribes sono contenuti tanti semi di dimensioni molto piccole.

Se in futuro decidete di piantare il ribes, dovete sapere che questa pianta entra in piena produzione dopo circa 4-5 anni e continuerà per un periodo compreso tra 10 e 12 anni.

Le varietà da coltivare sono tante e per questo motivo descriviamo le tre principali che ben si adattano al nostro territorio:

  • ribes rosso, Ribes rubrum (Linnaeus, 1753): ha azione antiossidante grazie alla presenza di licopene e antocianine. I frutti contengono alcune fibre come la pectina e svolgono un’azione depurativa, digestiva, diuretica e lassativa; possiamo utilizzarli in caso di reumatismi e calcoli renali;
  • ribes nero, Ribes nigrum (Linnaeus): ha azione antinfiammatoria e antiossidante grazie al suo contenuto in antocianine, come il ribes rosso. Possiamo utilizzarlo anche come antistaminico per difenderci contro le allergie;
  • ribes bianco, Ribes sativum (Rchb., Syme): è più povero in sostanze benefiche rispetto ai precedenti ma può contribuire a ridurre il nostro senso di stanchezza e affaticamento in quanto costituiscono una ricca fonte di vitamina C vitamina B6.

malattie del ribes rosso

Le malattie principali

Il ribes è un frutto molto rustico e resistente ma dobbiamo fare molta attenzione alle malattie che possono danneggiare questa pianta che ci regala questi piccoli frutti di bosco. Per questo motivo è importante conoscere le avversità e come possiamo prevenirle.

Quelle che descriviamo riguardano, oltre alle varietà prima descritte, anche l’uva spina che appartiene alla stessa famiglia del ribes.

Conosciamole insieme!

Malattie del ribes: Botrite o muffa grigia

Botrytis cinerea (Pers., 1794) è una delle diverse malattie fungine del ribes.

L’infestazione può interessare interi rami o porzioni degli stessi che possono disseccare, alla loro base vedremo la comparsa di necrosi sparse sulla corteccia. I sintomi sulle gemme, durante la primavera, sono rappresentati dalla mancata schiusura o dall’arresto del loro sviluppo. Le foglie in estate ingialliscono e diventano secche.

Le infezioni più gravi sui frutti si verificano durante la fioritura, questi vanno incontro a cascola senza ulteriori sintomi evidenti. Da una bacca infetta, la malattia si propaga all’intero grappolo con la formazione della tipica muffa grigia. I frutti raggrinziscono e cadono durante il periodo estivo.

Altri funghi possono provocare la necrosi dei rami con seguente disseccamento, come Nectria cinnabarina (Tode, Fr., 1849). Botrytis cinerea Nectria cinnabarina possono convivere sulla stessa pianta e probabilmente lo sviluppo della seconda specie fungina possiamo osservarlo in seguito allo sviluppo della botrite.

Il controllo della botrite si avvale principalmente della prevenzione mediante l’attuazione di alcune pratiche agronomiche ammesse in agricoltura biologica che potete trovare in questo articolo.

La copertura dei tunnel prima della fioritura può prevenire lo sviluppo della muffa grigia, ma bisogna far attenzione allo sviluppo di oidio che sul ribes è causato da Sphaerotheca mors-uvae (Schwein., Berk & M. A. Curtis, 1876) dove colpisce rami, foglie e frutti.

Sui frutti, l’infezione post-raccolta si previene raccogliendo i frutti sani, senza lesioni o spaccature. In caso di una infezione già in corso, bisogna eliminare i rami infetti e coprire le ferite dovute ai tagli di potatura con rame o prodotti cicatrizzanti.

Malattie del ribes: Eutipiosi

Eutypa lata (Pers., Tul. & C. Tul., 1863) è un fungo patogeno del legno che causa l’eutipiosi e che predilige varie specie arboree come vite, albicocco e ribes.

Il patogeno si manifesta, in piante di 4-5 anni, con sintomi come vegetazione stentata, internodi più corti e foglie più piccole, anche i grappoli si presentano più piccoli e con un numero di acini inferiore. Successivamente la malattia si fa più grave fino alla morte di una o più branche.

Sui tagli di potatura si possono vedere cancri di color brunastro che si espandono nel legno intorno; i rami saranno secchi e quando si piegano sarà facile spezzarli. Le spore del patogeno fungino vengono disseminate dal vento e dalla pioggia e possono proliferare sulle ferite di potatura non trattate.

La prevenzione è la miglior soluzione per combattere questa infezione fungina, infatti nessun principio attivo è in grado di controllare l’eutipiosi.

Anche in questo caso, se l’infezione è già in corso dobbiamo eliminare i rami infetti e allontanarli dal terreno perché rappresentano fonte di inoculo e quindi portano allo sviluppo di nuove infezioni. Sulle ferite di potatura dobbiamo passare del rame o altri cicatrizzanti per ostacolare la germinazione delle spore fungine.

ribes nero

Malattie del ribes: Verticilliosi

Verticillium (Nees, 1816) è un genere di funghi che appartiene alla famiglia Plectosphaerellaceae. 

Questo genere di funghi provocano sulle piante infestate una tracheomicosi cioè una patologia che attacca il sistema vascolare della pianta, in particolare i vasi linfatici. I sintomi si manifestano soprattutto durante il massimo accrescimento della pianta e quando i frutti si ingrossano.

Le piante di ribes colpite da questa malattia iniziano ad appassire ma le frequenti irrigazioni non sono in grado di fermare il loro deperimento. Il fungo resta nel terreno per tanto tempo e può aggredire molte piante come quelle dei lamponi e delle more.

Se tagliate longitudinalmente un rametto e levando lo strato corticale potete vedere che i vasi xilematici hanno un colore bruno rossastro.

La difesa del ribes deve essere attuata eliminando le piante che stanno per appassire e quelle vicine; non bisogna piantare ribes, lampone o mora sullo stesso terreno per circa 3 o 4 anni se le coltivazioni precedenti hanno manifestato sintomi di verticilliosi.

Ancora oggi non esistono mezzi tecnici efficaci che consentono la difesa delle piante da questa malattia.

Malattie del ribes: Antracnosi

Colletotrichum (Corda, 1831) è un genere di funghi appartenenti alla famiglia Glomerellaceae che attaccano numerose colture causando l’antracnosi, motivo di grande interesse agronomico.

Lo sviluppo della malattia sul ribes si ha in seguito ai periodi piovosi. Questi funghi possono danneggiare sia i frutti che durante la maturazione saranno di consistenza rugosa, lattescenti e dopo cadono, sia i rami rami, foglie e gemme. Nel legno vecchio sverna il fungo patogeno.

Per la difesa della pianta bisogna garantire un buon arieggiamento, eliminare le porzioni dei rami che presentano gemme infette, così come i frutti e allontanarli per ridurre il rischio di inoculo. Se la gravità dell’infestazione è elevata bisogna applicare prodotti rameici dal periodo di pre-fioritura in poi. Non raccogliere troppo tardi i frutti.

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Malattie del ribes: quali sono le principali? Conosciamole insieme. ultima modifica: 2019-10-25T11:40:35+00:00 da Antonino Crapanzano

Articoli correlati