Potatura del lampone: ovvero garantire una vita lunghissima alla tua pianta

Potatura del lampone

Se leggi spesso il nostro blog, saprai benissimo quanto sia importante la potatura del lampone; se sei un neofita e ti sei avvicinato da poco al mondo dell’agricoltura, invece, lascia che ti spieghi cosa è la potatura e perché è essenziale per garantire longevità alle tue coltivazioni.

La potatura, sia nel caso del lampone che in quello di tante altre piante, altro non è che una serie di interventi che hanno il fine di intervenire sul loro modo di vegetare e fruttificare, garantendone la produttività.

Attenzione però: come tutto, è meglio evitare di abusare della potatura, usando questa pratica solo quando la ramificazione è talmente intensa da andare a compromettere la salute della pianta stessa.

Ora, con questa informazione in mente, vediamo come si pratica la potatura del lampone.

Lampone: breve elenco delle sue caratteristiche

Il lampone (Rubus idaeus) è un arbusto da frutto appartenente alla famiglia delle Rosaceae e al genere Rubus; il frutto prodotto è di colore rosso e sapore dolce-acidulo e compare, in genere, dopo i primi due anni di vita della pianta.

La pianta cresce all’aperto in zone boscose e ha una straordinaria capacità riproduttiva.

Potatura del lampone

Il lampone è una pianta che adora i terreni sub-acidi e le zone boscose

Predilige le aree dal clima temperato, ombrose e con un terreno sub-acido e ben drenante, raggiungendo anche i 150 cm di altezza.

Prima dell’impianto, ti consigliamo comunque di condurre un’analisi del pH del terreno.

Di norma, la fioritura del lampone avviene nel periodo primaverile tra maggio e giugno, mentre il frutto raggiunge la maturazione a cavallo tra l’estate e l’autunno.

Le piante di lampone possono essere suddivise in:

  • Unifere (piante che fruttificano soltanto una volta durante il corso dell’anno)
  • Bifere (piante che producono frutti in due periodi differenti)

Se vuoi sapere di più sulla coltivazione del lampone, ti invitiamo a leggere questo articolo.

Messa a dimora del lampone

Se ti stai chiedendo quale sia il periodo migliore per la messa a dimora, questo è il paragrafo che cerchi.

La pianta di lampone viene venduta sia in forma di pollini a radice nuda o come piccola pianta già formata;

La messa a dimora della pianta del pollone a radice nuda deve avvenire nel periodo di dormienza, quindi in autunno-inverno; le pianta, invece, si mettono a dimore in primavera, quando il rischio delle gelate tardive è ormai passato.

Potatura del lampone, tutte le soluzioni possibili

La potatura del lampone si distingue in tre differenti tipologie che, per forza di cose, differiscono per modalità e scopo d’esecuzione:

  • Potature di formazione
  • Potatura di produzione
  • Potatura di rinnovo
Potatura del lampone

3 tipi di potatura per le diverse fasi di vita del lampone

Nelle prossime righe le vedremo tutte nello specifico, capendo quale sia la più adatta per la tua pianta, ma prima capiamo quale forma di allevamento scegliere.

La potatura del lampone e la forma dall’allevamento giusta

L’allevamento del lampone può essere praticato in due modalità diverse: liberamente o mediante una graticola, ovvero formando un sostengo di fili intrecciati e che può avere forme diverse.

In Italia, si usa spessissimo la forma a spalliera che semplifica notevolmente le operazioni di potatura, raccolta e controllo della pianta.

Per ottenere la massima efficacia da questa forma d’allevamento, bisogna seguire degli essenziali accorgimenti per salvaguardare lo spazio vitale della pianta.

Sostanzialmente, bisogna assicurarsi che le piante vengano coltivate a intervalli di 60 cm in filari distanti almeno 3 metri gli uni dagli altri; a questo punto, risulta necessario organizzare un’impalcatura su cui poi il lampone verrà allevato.

Come farla?

Con dei pali in legno e/o cemento per i filari più lunghi con fili che si alternano per 50 cm e in relazione all’altezza della pianta.

Potatura di formazione

Che sia unifero o bifero, il procedimento per la potatura del lampone è assolutamente lo stesso.

Potatura del lampone

Forma a ventaglio, ideale per le piante di lampone

Il primissimo intervento va effettuato a marzo, dopo aver messo a dimora le nuove piante; per farlo, bisogna tagliare i tralci affinché misurino circa 30 cm da terra.

Sarà proprio da questi che origineranno i nuovi germogli che dovranno essere lasciati crescere liberamente.

Durante il secondo anno, le cose cambiano leggermente: in primavera, tra marzo e aprile (occhio alle temperature), bisognerà tagliare i tralci di modo da conferirgli una forma a ventaglio.

Assicurati di distanziarli tra loro di modo che abbiano il giusto spazio per crescere ed effettua una prima legatura a circa 70 cm di altezza e procedi con il taglio a circa 10 cm dal punto di legatura.

Potatura di produzione

Nonostante le bifere siano piante di lampone che iniziano il loro ciclo produttivo prima delle altre, passano in genere 2 anni prima che si possano toccare i frutti del proprio lavoro.

È proprio dal terzo anno che bisogna attrezzarsi per portare avanti interventi di potatura finalizzati alla produzione.

Per prima cosa bisognerà fare dei tagli su tutti i rami che hanno prodotto frutti nell’anno precedente.

Potatura del lampone

Parola d’ordine: produzione

I primi tagli andranno fatti sulle ramificazioni che hanno prodotto nell’anno precedente e andrà effettuata nel mese di marzo.

Scegli 4 o 5 rami sani e forti per preservali ed elimina tutti gli altri; lega i rami superstiti a un metro da terra e crea una cimatura a circa 10 cm dal punto di legatura.

Consiglio da agricoltore: impara a portare a termine in modo efficiente questa operazione, perché andrà fatta per tutta la vita della pianta per fare in modo che resti sana e resistente.

Potatura di rinnovo

Quando parliamo di potatura di rinnovo del lampone, parliamo del taglio delle ramificazioni di almeno due anni d’età che hanno già fruttificato.

Fortunatamente, questa operazione coincide con la procedura per la potatura di produzione; l’unica aggiunta consiste nell’eliminazione dei tralci malati e/o improduttivi.

Attrezzatura per potare il lampone

Potare il lampone può essere una procedura difficoltosa e, soprattutto, faticosa se non si hanno a disposizione gli strumenti migliori per effettuarla; i rovi di lampone, inoltre, sono particolarmente spinosi, quindi prestare attenzione alla sicurezza potrebbe essere una buona idea.

Potatura del lampone

Cesoie, le migliori amiche della potatura

Nel kit del buon potatore di lamponi, quindi, non possono mancare:

  • Cesoie per potatura,
  • Guanti da giardinaggio
  • Occhiali di protezione

Se vuoi approfondire l’argomento, qui troverai un sacco di spunti per arricchire il tuo capanno degli attrezzi.

 

Precisione, puntualità e protezione: ecco le 3 caratteristiche per una perfetta potatura del lampone.

Buon lavoro!

Potatura del lampone: ovvero garantire una vita lunghissima alla tua pianta ultima modifica: 2018-12-09T10:30:52+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati