Cosa coltivare a febbraio

cosa coltivare a febbraio

Il freddo non è ancora andato via, ma la campagna non ci concede mai riposo. Anche a febbraio è possibile coltivare qualcosa, ma cosa di preciso? Continua quindi la nostra rubrica su “Cosa coltivare a…” e oggi, essendo il primo giorno, ti dirò cosa coltivare a febbraio.

Del Dott. Francesco Giannetti

cosa coltivare a febbraio

 

Precauzioni contro il freddo di febbraio

Abbiamo già parlato molte volte delle precauzioni da prendere per proteggere le nostre colture dal freddo, tra cui nell’articolo sui mezzi di protezione delle colture. Abbiamo visto la pacciamatura, le serre-tunnel e le mini-serre. Le mini-serre sono un mezzo di protezione innovativo e assolutamente funzionale. Sono sostanzialmente delle campane di plastica trasparente che vengono poggiate in terra, sopra la pianta, in modo da proteggerla dai freddi e dalle gelate più intense.

Quando però parliamo di cosa coltivare a febbraio, dobbiamo parlare anche di semenzai riscaldati, cioè una sorta di vivai dove vengono fatti germinare i semi. I semenzai riscaldati sono delle strutture trasparenti che hanno il vantaggio di proteggere i semi dal freddo e dal gelo. Molto spesso vengono riscaldati o in modo naturale, grazie alla luce solare, o con altri strumenti generatori di calore. I più comuni sono gli aerotermi, gli impianti a termosifone e le stufe a gas o combustibile liquido.

Cosa coltivare a febbraio: ecco tutte le colture

ANGURIA – Anche se l’anguria è un tipico ortaggio estivo, in realtà può essere seminata a partire proprio dal mese di febbraio. La semina, però, deve avvenire in ambiente protetto o con gli opportuni mezzi di protezione contro il freddo e le gelate tardive. Meno attenzioni possono essere prestate se la coltivazione avviene nelle regioni meridionali.

cosa coltivare a febbraio

Pur essendo un tipico ortaggio estivo, l’anguria si semina a febbraio proteggendo la pianta in modo adeguato.

BARBABIETOLA – Una delle principali colture tra cosa coltivare a febbraio è proprio la barbabietola. Soprattutto nelle regioni centrali e meridionali del nostro paese, questa pianta può essere seminata a partire dal mese di febbraio.

CARDI – La semina di questa pianta avviene dai primi giorni di febbraio fino alla fine di aprile, a seconda delle zone. Eventualmente, puoi prima seminarlo in ambiente protetto dentro a particolari contenitori, per poi trapiantarlo a giugno quando il clima è migliore.

FAVA – La fava viene seminata a febbraio perché soffre molto le alte temperature estive. In questo modo, la fava arriverà all’estate pronta per resistere al caldo e per essere raccolta.

FINOCCHIO – Il finocchio può essere seminato a febbraio nelle regioni del Centro e Sud Italia. Si possono effettuare più semine, a distanza di 15 giorni l’una dall’altra. Questo può favorire la quantità e la miglior riuscita di produzione, senza contare poi il vantaggio di una raccolta scalare.

cosa coltivare a febbraio

Il finocchio può essere seminato a febbraio solo nelle regioni centrali e meridionali d’Italia.

GOJI – Il periodo ideale per piantare il Goji è proprio febbraio. In questo mese, si prepara effettua la concimazione e si prepara l’impianto con buche profonde 15-20 cm.

MELANZANA – La melanzana, come altre orticole, deve essere seminata con i giusti mezzi di protezione. Non tollera il freddo e in questo modo è possibile effettuare il trapianto quando siamo certi che la temperatura del terreno non scenda più sotto gli 8 °C.

MELONE – Il melone segue lo stesso procedimento dell’anguria.

PEPERONE – Continuando la nostra guida a cosa coltivare a febbraio, troviamo anche il peperone. Come la melanzana, anche il peperone non sopporta il freddo. Per tale motivo, è bene seminare in ambiente protetto o comunque con mezzi di protezioni particolarmente vigorosi, soprattutto nelle regioni centrali del nostro paese. Oltre al fatto che non cresce alle basse temperature, il peperone ha una germinazione molto lenta e quindi, anticipando la semina a febbraio, si avranno frutti pronti all’inizio dell’estate.

Non solo non sopporta il freddo, ma il peperone ha una crescita lenta e quindi è meglio seminarlo a febbraio.

PORRO – Solo una varietà di porro può essere seminata a febbraio, ossia i porri autunnali. Questi si seminano da febbraio ad aprile. Sono poco resistenti al freddo e non sopportano le gelate tardive. Tra le cultivar principali che posso citarti ci sono il Mostruoso di Carentan, piuttosto rustico, e l’Elefante, pronto per essere raccolto a fine luglio.

SEDANO – Non tutte le cultivar di sedano possono resistere al freddo. Se vuoi raccoglierlo in estate, puoi ricorrere a sedani precoci che si seminano dai primi di febbraio a metà marzo.

Cosa coltivare a febbraio ultima modifica: 2018-02-01T06:38:35+00:00 da Francesco Giannetti

Articoli correlati