Cosa coltivare a dicembre

cosa coltivare a dicembre

Stai cercando cosa coltivare a dicembre? Hai un orto ma non sai bene quali adatte posso essere seminate in questo periodo o quali sono più resistenti al freddo? Cara/o amica/o di Noi Siamo Agricoltura, questo articolo è ciò che stai cercando: una lista completa di tutto ciò che si può coltivare a dicembre nell’orto, in pieno campo e in serra.

Purtroppo, nessuno mai ci potrà dire con precisione le temperature e l’andamento climatico che avrà questo inverno. Il nostro pianeta sta manifestando ormai da anni degli sbalzi termici e climatici non indifferenti. Allontanati da coloro che ti danno consigli sulla base delle loro previsioni. Nessuno lo può sapere!

Quindi, al contrario dell’altro articolo “Cosa coltivare a novembre”, non farò una distinzione tra ciò che si può coltivare al Sud, al Centro e al Nord Italia. Questo perché, date le basse temperature, le nostre piante hanno bisogno (tutte!) di particolari accorgimenti.

In questo articolo, infatti, oltre ad elencare cosa coltivare a dicembre ti fornirò alcune soluzioni molto economiche con cui proteggere le coltivazioni dal freddo e dalle gelate. Mettiti comodo e cominciamo.

Precauzioni e accorgimenti: mezzi di protezione

Abbiamo già parlato delle precauzioni e degli accorgimenti da prendere durante i periodi più freddi parlando dei mezzi di protezione delle colture. Tra questi abbiamo visto anche la pacciamatura, una delle più significative e facili da realizzare. Se avete a disposizione della paglia, infatti, la pacciamatura può essere eseguita anche con questo materiale “di scarto”. Altri mezzi possono essere le serre-tunnel, già viste in questo articolo, e le mini-serre.

Le mini-serre sono un mezzo di protezione innovativo e assolutamente funzionale. Sono sostanzialmente delle campane di plastica trasparente che vengono poggiate in terra, sopra la pianta, in modo da proteggerla dai freddi e dalle gelate più intense. Per assicurare la respirazione della pianta stessa, sono leggermente forate nella parte bassa della campana e, per non essere spostate via dal vento, sono fermate in terra mediante dei picchetti di varia misura. In commercio sono presenti varie grandezze e varie misure, a seconda della necessità dell’agricoltore e soprattutto del tipo di pianta che si va a proteggere.

cosa coltivare a dicembre

Cosa coltivare a dicembre

Fragola – La fragola (Fragaria spp.) è una pianta microterma, ma bisogna fare attenzione. Ci sono due grandi tipi di Fragola: le varietà rifiorenti e le varietà non rifiorenti. Solo le varietà non rifiorenti possono essere coltivate a novembre e le puoi trapiantare anche nei vasi sul balcone. Queste varietà, infatti, resistono ai brevi periodi di luce (brevidiurne) delle giornate invernali, completando lo sviluppo nella primavera successiva, dopo aver subito la vernalizzazione.

Lampone – Anche il lampone (Rubus idaeus, L. 1753) è una pianta che sopporta le basse temperature, infatti viene coltivato molto in Nord Italia, Francia, Germania, Svizzera e Scozia. Esistono varie specie di lamponi: quella a frutti rossi, quella a frutti violacei e quella a frutti gialli o ambrati. Tra questi, esistono due varietà, quelle “unifere”, che producono i frutti una volta l’anno, e le varietà “bifere” (o “rifiorenti”), che producono sia sui rametti dell’anno precedente che su quelli dell’anno attuale.

  • Cultivar unifere: Glen Moy (precoce), Canby (senza spine per l’industria), Fairview (con frutti conici, rustica), Glen Prosen e Summer (per la surgelazione), Titan (con frutti di grossa pezzatura, conici).
  • Cultivar bifere: Ruby (adatta a tutti gli ambienti), Heritage (molto produttiva), Rossana (tardiva e con frutti molto resistenti ai trasporti, adatta a particolari ambienti).

Mirtillo – Il mirtillo (Vaccinium spp.) è un altro frutto di bosco che può essere coltivato a dicembre. Esistono moltissime varietà, come il Mirtillo nero, il Mirtillo rosso, il Mirtillo blu, il Mirtillo gigante americano (resiste fino a -30 °C), lo Southeastern highbush blueberry, il Mortella di palude e il Cranberry (detta anche Bacca delle gru). Non ha particolari richieste di tipo di terreno: vegeta bene in terreni acidi, privi di calcare attivo, ma ben dotati di sostanza organica e tendenzialmente sciolti.

Scalogno – Lo scalogno (Allium ascalonicum, L. 1758) è una piccola pianta molto resistente. La cosa a cui fare molta attenzione, però, è che lo scalogno è una pianta che consuma molto il terreno e per questo è meglio aspettare 5 anni prima di ripiantarlo nello stesso appezzamento dove è stato piantato l’anno precedente. La semina viene eseguita tramite la messa a dimora dei bulbi.

Aglio – L’aglio (Allium sativum, L. 1758) è una pianta che non ama il freddo, ma ha bisogno di questo periodo invernale per poter rigermogliare a primavera. Quindi possiamo fin da ora, tra cosa coltivare a dicembre, cominciare a mettere in loco i bulbilli che poi diventeranno la nostra pianta di aglio. Inoltre, l’aglio è considerato una pianta da rinnovo del terreno anche se non ha bisogno di lavorazioni profonde. A tal proposito, la profondità di aratura deve essere al massimo 30 cm, in quanto la semina dei bulbi viene fatta nello strato attivo (5-10 cm).

cosa coltivare a dicembre

Cipolla – La cipolla (Allium cepa)ha una notevole adattabilità ambientale purché non venga coltivata in zone con clima troppo piovoso. Per la germinazione è sufficiente una temperatura di circa 5 °C e resiste a freddi invernali che arrivano anche a -10 °C. Facile da coltivare anche nei vasi del tuo balcone.

Fava – La fava è una delle piante che meglio si adatta alle basse temperature (non eccessive), infatti è considerata pianta microterma. Le corrette temperature del terreno per una buona germinazione sono intorno ai 5 °C, mentre i -6 °C sono la temperatura limite affinché la pianta riesca a sopravvivere.

Lattuga – Durante l’inverno, la coltivazione della Lattuga (Lactuca sativa) in campo aperto non è possibile in Italia, se non in alcune zone del Meridione. Ovviamente la puoi coltivare anche sul tuo balcone, facendo attenzione a non esporla a freddi intensi e vento gelido. Nonostante questo, alcune varietà di Lattuga sono abbastanza resistenti al freddo, tipo: Lattuga a cappuccio invernale, Lattuga romana verde d’inverno, Lattuga regina dei ghiacci (detta anche Lattuga Iceberg), Lattuga meraviglia delle 4 stagioni, Lattuga White Boston, ecc.

Indivia – Molto simile alla Lattuga, l’indivia (Cichorium endivia var. crispum) sia per tecnica colturale sia per tipologia di terreno, anche l’Indivia rientra nella categoria di cosa coltivare a dicembre. La grande differenza con la sua “cugina” è che l’Indivia è molto più resistente al freddo e quindi può essere coltivata a dicembre anche in zone montane, pur con le dovute precauzioni. Una delle varietà migliori per questo tipo di climi è la Monaco, detta anche Indivia riccia gigante invernale. Come per la Lattuga, anche questa insalata la puoi coltivare nei vasi del tuo balcone.

Scarola – Per la scarola (Cichorium endivia var. latifolium) vale quanto detto per l’Indivia.

Cicoria – Anche della Cicoria (Cichorium intybus) ne esistono svariati tipi. Una delle più resistenti alle basse temperature è la Cicoria zuccherina di Trieste.

cosa coltivare a dicembre

Rapa – La rapa (Brassica rapa L. subsp. rapa Thell.) ha un’eccezionale adattabilità ai climi umidi e freddi. Riesce a resistere, infatti, fino a -10 °C. Si adatta a diversi tipi di suolo, ma preferisce quelli profondi, freschi e ben drenati e con bassa salinità. Ha bisogno di molta acqua ed eventualmente di un’abbondante irrigazione a goccia.

Ravanello – Il ravanello (Raphanus sativus, L. 1758) è una pianta erbacea che vuole terreni sciolti e molto fertili, quindi ricchi di sostanza organica. Si adatta molto bene ai climi freddi a patto che si adottino dei particolari accorgimenti protettivi.

Spinacio – Lo spinacio (Spinacia oleracea, L. 1758) rientra in cosa coltivare a dicembre perché anch’essa è una pianta che ha basse esigenze termiche e buona tolleranza al freddo in fase di rosetta. Meglio forse piantarla verso la fine del mese, quando le giornate cominciano ad allungarsi. Richiede un terreno permeabile e ben drenato, con buoni apporti di sostanza organica.

Dott. Francesco Giannetti

Cosa coltivare a dicembre ultima modifica: 2017-12-03T06:46:55+00:00 da Francesco Giannetti

Articoli correlati