Rogna del pesco: la guida definitiva

rogna del pesco

La rogna del pesco è una delle malattie più insidiose che può attaccare questo albero da frutto.

Per questa ragione, saperla individuare prontamente e riuscire a combatterla prima che abbia definitivamente compromesso la tua pianta è fondamentale per qualsiasi amante del pesco e dei suoi frutti.

Per fortuna, sei nel posto giusto! In questo articolo, infatti, ti spiegheremo nel dettaglio cosa causa la bolla del pesco, come riconoscere i sintomi della malattia e soprattutto quello che puoi fare per combatterla.

Buona lettura!

Se invece vuoi sapere come si coltiva il pesco, dai un’occhiata qui.

Rogna del pesco: cos’è e qual è il suo ciclo biologico

La rogna del pesco, conosciuta anche come bolla del pesco, è il nome comune con cui viene identificato il fungo Taphrina deformans. Appartenente alla classe degli Ascomiceti questo fungo, sebbene sia presente in tutta Italia, interessa particolarmente le nostre regioni settentrionali a causa di condizioni sia ambientali sia climatiche più favorevoli.

rogna del pesco

Per sconfiggere questa malattia necessario conoscerne il ciclo biologico

Conoscere il ciclo biologico di questo fungo è molto utile per sapere quando prestare attenzione allo sviluppo dei primi sintomi e quando intervenire.

La Taphrina deformans produce due tipi di spore, entrambe in grado di superare i mesi più freddi:

  • l’ascospora, ovvero la spora sessuata che si ripara nei punti coperti della pianta come, per esempio, gli anfratti delle gemme
  • le conidio-gemme sono le spore asessuate e sono prodotte a seguito della gemmazione dell’ascospora

Le spore si attivano durante la stagione primaverile, alla presenza di quattro condizioni fondamentali:

  • apertura delle gemme
  • temperatura di 8°C
  • parti vegetali bagnate
  • a infezione avvenuta, le temperature non devono superare i 28°C

Le spore arrivano poi a contatto con le parti vegetali e iniziano a penetrarne all’interno formando il micelio, essenziale per dare il via ai processi morfo—fisiologici che danneggeranno il tuo pesco.

I cicli di infezione dipendono dalle condizioni metereologiche. Possono infatti proseguire per tutti i mesi primaverili, oppure non andare oltre il primo ciclo.

Fase parassitaria e saprofitaria

La fase parassitaria di questo fungo inizia durante il periodo di germogliamento. Anche in questo caso è necessaria la presenza di alcune condizioni per far proseguire l’infezione:

  • temperature comprese tra i 3°C e i 15°C
  • nebbia pesante
  • 24 e più ore continuative di pioggia, fondamentale per il trasporto delle spore

Dopo un periodo compreso tra le due e quattro settimane, il fungo inizierà a produrre una muffa bianca, segno che è iniziato il periodo di fruttificazione e, quindi, dell’attività saprofitaria.

Questa seconda fase interessa i mesi autunnali e invernali, quando le spore si moltiplicano per gemmazione andando ad aumentare il numero di infezioni. Anche in questo caso, la presenza di precipitazioni è fondamentale per il trasporto delle spore.

Quali danni?

Come abbiamo anticipato, la rogna del pesco è una malattia pericolosissima per questo albero ed è dunque fondamentale riuscire a riconoscere i primi sintomi che indicano la presenza del fungo.

I danni causati dalla rogna del pesco interessano:

  • germogli
  • foglie
  • fiori
  • frutti

I germogli sono le prime parti vegetali a mostrare i segni dell’infezione, proprio perché le gemme vengono attaccate nella loro fase di apertura. Stai dunque attento all’aspetto dei tuoi germogli: noti degli strani ammassi carnosi? Il loro colore tende al rosso acceso? Questi sono alcuni dei primissimi segnali che il tuo pesco è stato colpito dalla rogna. Se trascurata, l’infezione porterà i germogli a seccarsi, ma se la pianta è in salute riuscirà a emettere dei nuovi germogli sani.

Successivamente, il problema potrebbe estendersi anche alle foglie: ammassi carnosi, superficie bollosa, trasparente e poi opaca con presenza di muffa biancastra. A lungo andare, anche le foglie potrebbero seccarsi e marcire. Questo rappresenta uno stress non indifferente per il pesco e una diminuzione dell’energia causata dalla perdita la superficie fotosintetica della foglia. Man mano che l’infezione prosegue noterai un ingrandimento delle bolle fino a confluire.

Quando colpiti, anche i fiori si deformano e diventano degli ammassi carnosi prima di cadere prematuramente.

Per quanto riguarda invece i danni sui frutti, questi sono particolarmente evidenti sulle varietà più sensibili come le pesche nettarine. La bolla del pesco porta i frutti a sviluppare una superficie rugosa, con le bolle e con un colore tendente all’arancione o rosso; oltre alla cascola prematura, devi tenere in considerazione che i frutti potrebbero sviluppare lesioni o marciumi causati da altri agenti fungini.

rogna del pesco

La rogna ha delle caratteristiche specifiche che ne rendono facile l’identificazione.

In ultimo, non controllare solo il pesco: anche gli alberi di mandorle e prugne possono essere colpiti dalla Taphrina deformans.

Prevenzione: la miglior amica del tuo pesco

La protezione adeguata di un albero da frutto, così come di una pianta o una coltura dell’orto, parte sempre dalla prevenzione.

Questa regola generale non cambia quando si tratta della rogna del pesco. Ecco come puoi prevenire la comparsa della malattia:

  • pota con cura il tuo pesco in modo da garantire sempre la circolazione dell’aria; se non sei sicuro delle operazioni da eseguire, puoi rinfrescare la memoria leggendo questo articolo
  • innaffia l’albero alla base e non direttamente sulle foglie o sulle altre parti vegetali
  • evita ristagni idrici nel terreno in modo da non favorire un aumento del tasso di umidità
  • usa del macerato di equiseto per rendere la pianta più resistente

Per approfondire l’argomento leggi qui.

Rogna del pesco: cura

La rogna del pesco è difficilissima da curare. Il massimo che puoi fare è stare sempre attentissimo alla prima comparsa dei sintomi e intervenire prontamente eliminando le parti colpite e bruciandole. In questo modo potrai quantomeno impedire che la malattia si diffonda a tutta la pianta.

Effettuare dei trattamenti a base di prodotti rameici è molto importante per il benessere del pesco.

A novembre puoi occuparti della prevenzione eliminando le spore presenti, usando un prodotto che contenga al 50% ossicloruro di rame.

Tra fine gennaio e metà febbraio passa il trattamento prevede l’uso di un prodotto con il 35% di ossicloruro di rame.

Il terzo trattamento è facoltativo e deve essere effettuato solo in caso forti precipitazioni nelle settimane successive all’apertura delle gemme. Fondamentale, in questo caso, è non utilizzare prodotti rameici bensì del bicarbonato di potassio oppure del polisolfuro di calcio al 2%.

Leggi questa guida se vuoi scoprire quali sono le altre malattie che possono aggredire il tuo pesco.

 

Sai tutto per proteggere al meglio il tuo pesco, buon lavoro!

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Rogna del pesco: la guida definitiva ultima modifica: 2020-04-13T16:13:10+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati