Come scegliere una buona anguria: 5 consigli fondamentali

In piena estate cosa c’è di più buono che mangiare una fresca fetta di anguria?! Purtroppo non è facile scegliere quella più gustosa, per questo motivo in questo articolo vi daremo 5 consigli fondamentali su come scegliere una buona anguria. 

D’altronde al supermercato o dal fruttivendolo cerchiamo sempre di individuare l’anguria più buona ma non sempre guardando solo l’aspetto questo ci aiuta, per questo motivo prendiamo in considerazione anche altri aspetti. 

Come scegliere una buona anguria

5 fondamentali consigli su come scegliere una buona anguria

  • Bisogna osservare il colore della buccia e l’opacità

Uno dei primissimi consigli che possiamo osservare è quello del colore dell’anguria. Una buona anguria di fatto si presenta con delle strisce o chiazze di colore chiaro. Sulla superficie oltre al classico colore verde devono essere presenti delle strisce di un giallo crema. Questa colorazione può presentarsi anche come una grande macchia poiché di fatto è in corrispondenza della parte di anguria che è stata per lungo tempo posizionata sul suolo.

Se il colore di queste macchie si presenta verde o giallo troppo chiaro significa che l’anguria non ha ancora raggiunto una maturazione adeguata.

Oltre al colore e alle striature, bisogna verificare che il frutto abbia come una patina opaca. Questo è un ottimo segnale che ci indica la maturazione. Al contrario se questa risulta lucida quasi sicuramente il frutto è ancora acerbo e non pronto.

  • Bisogna effettuare il suono “a vuoto”

Quante volte ci è capitato di scegliere un anguria e provare a “bussare” con le dita su di essa?! Effettivamente potrebbe essere un buon metodo per capire se l’anguria prescelta può essere quella giusta.

Il suono che deve essere riprodotto è un suono a vuoto, pieno e sordo. Se al contrario il suono risulta essere più fievole questo significa che l’anguria non è ancora pronta per essere messa in tavola.

  • Bisogna osservare il picciolo dell’anguria

Un’altra tecnica semplice che ci aiuta a capire come scegliere una buona anguria è quella di osservare il picciolo. È molto importante che quest’ultimo non sia assolutamente secco. Anzi se ci troviamo di fronte ad una anguria con il picciolo umido siamo certi che il frutto in questione ha raggiunto un buon livello di maturazione.

  • Bisogna grattare la superficie con le unghie

Potrà sembrare strano, ma un buon metodo su come scegliere una buona anguria consiste proprio nel grattare leggermente la superficie e verificare che il colore sottostante sia di un verde acceso. Questo colore sta ad indicare che l’anguria non è stata raccolta prematuramente. 

  • Pesare l’anguria

Anche il peso ci può indirizzare verso la scelta di un buon frutto. L’anguria più gustosa è quasi sicuramente quella che a parità di dimensioni pesa di più.

Come scegliere una buona anguria

Questi sono alcuni dei principali consigli che ci possono aiutare ad individuare una buona anguria, ma si sa che la natura non dà regole fisse.

Quindi è possibile che un’anguria molto nutriente e ricca presenti in realtà uno dei difetti sopra descritti. Non ci resta quindi che sperare anche in un pò di fortuna anche se questi semplici e preziosi consigli potremo tranquillamente attuarli nelle nostre future scelte.

Rimanendo in tema di angurie, vi siete persi l’articolo riguardo alle angurie a forma di cuore? Ve ne abbiamo parlato in questo articolo: Anguria a forma di cuore. La nuova idea gustosa e originale.

E se volete intraprendere una coltivazione di angurie, vi abbiamo dato tutte le dritte e i consigli utili in: Come coltivare il cocomero: materiali e metodi per un’ottima resa.

Come scegliere una buona anguria: 5 consigli fondamentali ultima modifica: 2018-07-18T15:09:59+00:00 da Nicole

Articoli correlati