Analisi dei foraggi: metodi naturali per aumentarne la produzione

analisi dei foraggi

Hai un’azienda zootecnica? Allevi vacche o pecore e produci erbe da foraggio? Hai mai fatto delle analisi dei foraggi che hai coltivato? Se stai cercando una soluzione più naturale per aumentare la tua produzione, questo articolo fa proprio al caso tuo. Le analisi dei foraggi che ti andremo a mostrare ti lasceranno esterrefatto. Buona ed emozionante lettura.

analisi dei foraggi

Caratteristiche dei foraggi

Il foraggio, dal francese fourrage che vuol dire “alimento”, è l’insieme di tutte le materie organiche (e non) che vengono fornite al bestiame per nutrirsi. Possiamo paragonare il foraggio ad un pasto, come ad esempio il nostro pranzo. Questo ha determinate caratteristiche, a seconda se siamo giovani, se siamo anziani, se stiamo seguendo una dieta, ecc. Le materie organiche presenti nel foraggio, invece, possono essere paragonate ai nostri piatti: per esempio, il pane, le verdure, la carne, le uova, i formaggi, ecc.

Ognuno di questi alimenti ha un valore nutritivo diverso dall’altro sia in ambito di qualità sia in ambito di quantità (pensiamo ad esempio alle kilo calorie). A seconda della principale attività che facciamo (lavoro intellettuale, sport, ecc.) la nutrizionista ci dirà quale prodotto è meglio assimilare piuttosto che un altro. Questo avviene anche per gli animali. Il foraggio delle vacche da latte, ad esempio, avrà delle componenti diverse da quelle del foraggio delle nostre pecore o addirittura dei nostri maiali. Non solo, a seconda se la vacca è in lattazione o in asciutta si può tendere a preferire degli alimenti piuttosto che altri proprio per soddisfare il bisogno energetico dell’animale in quel momento.

Erbe da foraggio: quali sono

Come abbiamo detto, facendo le analisi dei foraggi possiamo vedere che non è presente una sola erba, ma molte erbe mescolate insieme. A volte la scelta di mescolare delle erbe precise piuttosto che altre viene sostenuta dallo stesso agronomo, oppure dal veterinario della stalla. Entrambe queste due figure professionali possono formulare delle “diete” a seconda del fabbisogno dell’animale in quel momento o dell’obiettivo aziendale.

Altro esempio, se vuoi conoscere tutti i metodi per migliorare la produzione di latte clicca su questo link.

Tra tutte le erbe le erbe da foraggio che vengono scelte dai professionisti, possiamo trovare:

  • Erba medica
  • Trifoglio pratense
  • Trifoglio alessandrino
  • Lupinella
  • Loietto perenne
  • Ginestrino
  • Festuche (varie specie del genere Festuca)
  • Sulla
  • Segale
  • Mais
  • Orzo
  • Avena
  • Frumento
  • Triticale
  • Lupino
  • Colza
  • Loiessa
  • Veccia sativa
  • Favino
  • Pisello
  • Ravizzone
  • Rapa

Le erbe da foraggio vengono così scelte non solo a seconda dell’obiettivo aziendale, ma anche a seconda del loro valore di digeribilità, del loro valore nutrizionale e della loro qualità vegetale.

Come aumentare la produzione dei foraggi

Abbiamo già visto alcuni casi in un cui la nuova tecnologia a particle films (pellicole composte da particelle minerali) riesce a donare alla pianta moltissimi vantaggi. Un esempio potrebbe essere la protezione dalla cimice asiatica, oppure l’eccezionale difesa del pero senza prodotti chimici. Ma la Zeolite riesce ad esplicare tante altre funzioni, come:

  • Ridurre la componente di metalli pesanti presenti nel suolo grazie alla sua proprietà di trattenuta di questi, abbassando così l’inquinamento;
  • Proteggere le piante dalle radiazioni ultraviolette (UV) e infrarosse (IR);
  • Ridurre le radiazioni solari, crea alla pianta una protezione dal calore e di conseguenza aumenta l’efficienza idrica: la pianta sente “meno caldo” e quindi consuma meno acqua.
  • La maggior efficienza idrica è molto importante, specialmente in estate, perché favorisce la pianta ad aumentare la produzione.
  • Migliora la qualità dei frutti grazie al suo effetto concimante.
  • È facilmente rimovibile dopo la raccolta dei frutti.

Non abbiamo ancora parlato però di come la zeolite possa aumentare la produzione di foraggi. Le ricerche sulle funzionalità della Zeolite sono state fatte dal Dott. Domenico Prisa, ricercatore del CRA-VIV di Pescia (PT), in Toscana. Le ricerche sono state effettuate sul prodotto a base di Zeolite e microrganismi della Romagna Impianti. A tal proposito, vediamo quali sono stati i risultati.

analisi dei foraggi

Immagine di proprietà di www.deere.com

Analisi dei foraggi: questi sono i risultati! Guarda tu stesso!

Dalle analisi dei foraggi, fatte per aumentare la produzione dei foraggi stessi, è stato constatato che la Zeolite è in grado di aumentare la produzione di foraggi, in alcuni casi anche del 300%. Nella tabella che segue, puoi vedere tu stesso i risultati.

Erba Produzione normale (quintali per ettaro) Produzione con trattamento del prodotto con Zeolite (quintali per ettaro)
Mais 9,12 11,10
Erba medica (1° anno) 4,12 6,10
Erba medica (2° anno) 8,08 11,15
Erba medica (3° anno) 10,16 15,44
Trifoglio pratense (1° anno) 3,22 4,98
Trifoglio pratense (2° anno) 7,11 9,44
Lupinella 20,13 24,66
Ginestrino 6,15 7,88
Loietto perenne 5,44 6,22
Festuca arundinacea 11,33 15,44
Sulla 7,24 9,11
Segale 20,44 25,33
Orzo 32,11 35
Avena 34,56 36,72
Frumento 22,11 25,33
Triticale 33,44 35,21
Lupino 33,24 38,66
Colza 36,55 43,12
Loiessa 38,36 44,56
Veccia sativa 16,12 21,45
Favino 31,23 33,12
Pisello 26,44 30,14
Trifoglio alessandrino 36,18 42,11
Fieno greco 13,12 15,41
Ravizzone 20,12 24,10
Rapa 26,72 29,13

Per ulteriori informazioni riguardo i prodotti a base di Zeolite, ti invitiamo a contattare il team di Romagna Impianti:

ROMAGNA IMPIANTI
Via Ugo Coralli, 3 – 40026 Imola (BO)
Sito Internet: https://www.romagnaimpianti.net
E-mail: info@romagnaimpianti.com
Tel. (+39) 0542 735211

Analisi dei foraggi: metodi naturali per aumentarne la produzione ultima modifica: 2018-03-27T06:19:18+00:00 da Francesco Giannetti

Articoli correlati