Sanseveria: la pianta da appartamento dalle mille risorse

sanseveria

Se cercate una pianta resistente, capace di purificare l’aria e davvero facile da gestire, la sanseveria è ciò che fa per voi.

In questo articolo vedremo proprio come curarla al meglio perché renda il vostro appartamento più bello e più pulito.

Procediamo!

Qualche accenno sulla sanseveria

La sanseveria è una pianta sempreverde appartenente alla famiglia delle Liliaceae e che fa davvero una gran figura in appartamento o comunque in spazi interni, tanto da essere anche un’ottima idea regalo.

Originaria dell’Asia, questa pianta è piuttosto frequente anche nelle zone meridionali e occidentali del continente africano.

In Italia viene spesso chiamata lingua di suocera ed è diffusa nella sua variante trifasciata, dimostrandosi una pianta conosciuta da praticamente tutti.

Le foglie sono lunghe, carnose e di un colore verde particolarmente intenso e abbellito da striature argentate; il suo portamento varie a seconda della specie e può essere eretto (raggiungendo altezze anche di 150 centimetri) o a rosetta (dalla crescita più lenta e modesta).

Si tratta di una coltura che, durante il periodo estivo, produce dei fiori bianchi che si sviluppano come piccole spighe e che sono produttori di un gradevolissimo profumo che darà un tocco in più alle serate più calde dell’anno.

Quali specie esistono?

La pianta è diffusa in tutto il mondo e conta circa 60 specie diverse che si distinguono per dimensioni e colore dei fiori.

La precedentemente menzionata sanseveria trifasciata è quella più diffusa in Italia e presenta foglie verde scuro con bordi argentati o color crema; le sue dimensioni sono varie e dipendono dal cultivar, tanto che alcune superano il metro d’altezza, altre invece rimangono nane.

Esiste anche la sanseveria cylindrica, ovvero una varietà particolarmente apprezzata soprattutto per scopi decorativi. Le sue foglie, infatti, crescono molto in altezza e hanno un aspetto tubolare che le rende davvero caratteristiche.

Altra specie molto interessante è la sanseveria zeylanica, ovvero una specie particolarmente grande che arriva a misurare anche due metri. Il suo portamento è a rosetta e le foglie sono di un suggestivo colore grigio capace di creare splendidi effetti cromatici in qualsiasi contesto.

sanseveria

La sanseveria grandis si distingue per i bordi rossi delle sue foglie

Ragionando per opposti, invece, abbiamo anche la sanseveria hallii, che invece raramente supera i 30 centimetri di grandezza. Dal portamento a rosetta, le sue foglie sono caratterizzate da riconoscibili venature argentate.

Infine, va menzionata la sansevieria grandis. Le sue foglie sono verdi e dalla forma ovale che, a differenza della altre, presenta dei bordi rossi molto interessanti. Anch’essa ha un portamento a rosetta e non supera i 25 centimetri di grandezza.

Come si coltiva la senseveria?

Come anticipato in apertura, la sanseveria non è di per sé una pianta che richiede cure o competenze estreme, ma che sicuramente ha bisogno delle giuste attenzioni per crescere e prosperare nel modo corretto.

Innanzitutto, ciò che fa la differenza è la scelta del terriccio: questo deve essere molto leggero e, una volta unito a un po’ di sabbia, va posato sopra uno strato di argilla o pezzi di coccio che faciliteranno la sua azione drenante.

Altro elemento fondamentale nella cura della sanseveria è l’esposizione.

La pianta, infatti, predilige situazioni con clima caldo e la luce del sole (che comunque non deve essere diretta), mentre mal sopporta il freddo e il gelo.

Il consiglio, quindi, è di tenerla al riparo dalle basse temperature d’inverno e di tenerla all’esterno durante i mesi più caldi.

Per quanto riguarda l’irrigazione, invece, è importante sapere che l’acqua va somministrata solo quando si nota che il terriccio è secco, cosa che si traduce, a grandi linee in:

  • una irrigazione al mese durante l’inverno
  • una irrigazione a settimana durante l’estate

Infine, la concimazione va effettuata una volta al mese; assicuratevi di non esagerare con l’acqua (i rischi del ristagno idrico sono sempre in agguato) e usate del concime per piante succulente.

Rinvaso, propagazione e potatura della sanseveria

Ogni due anni dovrete ricordarvi di rinvasare la pianta inserendola, semplicemente, in un contenitore leggermente più largo, aggiungendo una buona buona dose di concime per darle una marcia in più.

sanseveria

Poche cure, ma buone. Ricordate di non irrigare troppo la piante e tenerla lontana dalla luce diretta del sole

Questa operazione va effettuata durante la primavera, che, oltretutto, è anche il momento ideale per moltiplicazione della stessa.

Le opzioni per la riproduzione di questa colture sono due:

  • per divisione dei ceppi
  • per taglio delle foglie

Nel primo scenario, dovranno essere prelevati i polloni giovani di circa 20 centimetri e posizionati in un vaso con del terriccio; nel secondo, invece, dovrete tagliare le foglie in sezioni di 10 centimetri, farle asciugare e poi piantarle nel terreno, di modo che mettano radici e inizino a crescere.

Per quando riguarda la potatura, invece, potete tirare un sospiro di sollievo: questa pianta non ne ha decisamente bisogno, ma ogni tanto assicuratevi di eliminare foglie malate o secche perché potenziali vettori di infezioni fungine.

Quali sono le minacce?

Pur essendo una pianta resistente, anche la sanseveria ha dei piccoli talloni d’Achille a cui va sicuramente prestata una certa attenzione.

In primis, va evitato l’eccesso d’acqua, perché potrebbe portare alla formazione di marciume radicale e alla morte della pianta; se notate delle foglie molli, quindi, evitate le annaffiature per un po’.

Altro nemico della coltura è la cocciniglia, un parassita particolarmente infestante che, a sua volta, viene attirato proprio dall’umidità.

Insomma, se cercate una pianta poco impegnativa, sicuramente bella e capace di migliorare la qualità della vita in casa, questo è esattamente ciò di cui avete bisogno.

Facilmente reperibile sia in vivai che sul web, saprà sicuramente dare un guizzo in più al vostro ambiente interno.

 

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Sanseveria: la pianta da appartamento dalle mille risorse ultima modifica: 2021-04-19T18:33:04+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati