Punteruolo del pioppo: danni e metodi di cura

Punteruolo del pioppo

Ti è mai capitato di vedere i danni provocati dal Punteruolo del pioppo? In questo articolo ti aiuteremo ad identificarne i danni e a risolvere la problematica con i migliori metodi di cura.

Punteruolo del pioppo

Il Punteruolo del pioppo (Cryptorhynchus lapathi, L.) è un coleottero xilofago, cioè che si nutre del legno delle piante, proprio come il Tarlo asiatico di cui abbiamo parlato qualche giorno fa.

Il Punteruolo del pioppo è abbastanza diffuso in Italia e colpisce, oltre al pioppo, numerose piante di interesse paesaggistico. Gli adulti hanno un colore marrone-rossastro, che ricorda un po’ quello della ruggine. Le larve, invece, sono bianche e hanno la testa rossastra.

La comparsa degli adulti avviene in primavera e le femmine depongono le uova fino a tutto ottobre, creando delle insenature nella corteccia della pianta. Durante l’inverno, il Punteruolo del pioppo si trova allo stadio di uovo soprattutto nelle regioni tendenzialmente più fredde, mentre, nelle regioni più calde, può trovarsi allo stadio di larva e nascondersi nel legno.

Punteruolo del pioppo

Il danno

I danni provocati dal Punteruolo del pioppo si possono constatare soprattutto sulle piante giovani, molto spesso quelle presenti nei vivai, ma anche sulle piante già adulte messe a dimora.

I danni sono provocati sia dalle larve che dagli adulti che si nutrono del legno e consistono in delle incisioni anulari lungo il tronco e i giovani rami. Questo può provocare una destabilizzazione strutturale della pianta, con potenziali cadute della stessa, fino addirittura a provocarne la morte per indebolimento, specialmente nelle giovani piantine, se il danno si estende in modo grave.

Le larve, inoltre, scavano delle gallerie sia dall’esterno verso l’interno del tronco, sia dall’alto verso il basso della pianta. Anche i danni delle larve sono spesso molto gravi e la pianta può risentirne con un significativo indebolimento. Gli organi della pianta danneggiati possono anche seccare se le gallerie scavate dalle larve sono di tipo anulare, perché scollegano i tessuti conduttori della pianta per mezzo dei quali questa conduce i nutrienti dal terreno alle foglie.

Ci si può accorgere della presenza delle larve di Punteruolo del pioppo perché gli organi legnosi reagiscono al loro attacco con leggeri rigonfiamenti della zona colpita. Nonostante questo, però, la larva rimane nel legno per almeno 2 anni in quanto, prima di questo periodo, non riescono a raggiungere la maturità e diventare così insetti adulti.

Punteruolo del pioppo

Metodi di cura

La lotta contro il Punteruolo del pioppo deve essere effettuata sia con pratiche agronomiche sia con prodotti chimici.

Per quanto riguarda le pratiche agronomiche, è fondamentale distruggere le piante e gli organi della pianta colpiti. In questo modo si riesce a depotenziare l’attacco e il contagio di altre piante vicine.

Per quanto riguarda i prodotti chimici, invece, questi vengono utilizzati solo nel caso che l’attacco sia davvero grave e l’infestazione superi la soglia di intervento. Vengono utilizzati soprattutto contro le larve prima che queste passino dalla fase di uovo nella corteccia alla fase di larva nel legno.

In altre parole, gli interventi con prodotti chimici vengono effettuati prima della primavera, quindi verso la fine dell’inverno. I prodotti chimici vengono distribuiti sugli organi della pianta colpiti.

I prodotti chimici da utilizzare contro il Punteruolo del pioppo sono insetticidi a base di Fenitrotion, Alfametrina, Cipermetrina (da sola o in miscela con Clorpirifos), Deltametrina e Clorpirifos-metile.

Attenzione: prima di utilizzare i suddetti prodotti chimici, segui attentamente queste istruzioni.

Dott. Francesco Giannetti

Iscriviti

⬇ Condividi questo articolo ⬇

Punteruolo del pioppo: danni e metodi di cura ultima modifica: 2017-12-24T06:25:48+00:00 da Francesco Giannetti

Articoli correlati