Crassula ovata in casa: coltivarla, curarla e proteggerla al chiuso

crassula ovata in casa

La crassula ovata in casa, come spesso accade con le piante succulente, trova il suo habitat ideale ed è per questo motivo che coltivarla e accudirla in ambienti chiusi o su un terrazzo non è sicuramente un problema.

Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, esistono circa 300 varietà di questa pianta e, probabilmente, la specie che tutti conosciamo è quella nota proprio come crassula ovata nota anche come Albero di giada.

La crassula ovata in casa, oltre a essere un piacevole passatempo per gli amanti della natura e del giardinaggio anche in ambienti indoor, è anche un ottimo complemento d’arredo che darà sicuramente un tocco di colore in più al tuo appartamento.

Vediamo, allora, quali sono le cure e le attenzioni da riservare a questa pianta grassa quando viene accudita in casa.

Crassula ovata: quali sono le sue caratteristiche?

Per curare al meglio la tua crassula ovata in casa è necessario fare una piccola digressione per imparare a conoscerne tutte le caratteristiche.

Sapere quale sia l’aspetto di un esemplare sano e rigoglioso, infatti, è un ottimo modo per accorgersi immediatamente di problematiche o malattie che possono colpire la tua pianta, aiutandoti a diagnosticarlo subito.

La pianta di Crassula presenta una forma verticale ed eretta, ma esistono varianti rampicanti, striscianti e a cespuglio. Sia il fusto che le foglie sono particolarmente carnosi e, in alcuni casi, queste sono coperte da una leggera peluria che le protegge dalla luce solare.

crassula ovata in casa

La crassula ovata è una pianta carnosa dai fiori bianchi.

Il periodo di fioritura della crassula va da aprile ad agosto e dipende dalla specie e varietà; i suoi fiori sono a forma di stella e assumono varietà che vanno dal bianco al rosso acceso. I fiori della specie ovata, per esempio, sono bianchi.

Una curiosità che potrebbe farti pensare al coltivare la tua crassula ovata in casa: questa pianta ha la capacità di assorbire l’inquinamento elettronico prodotto dai tuoi elettrodomestici, cosa che può aiutare a depurare l’aria del tuo appartamento in modo del tutto naturale.

Non male, no?

Se vuoi approfondire tutte le sue peculiarità, qui trovi un articolo dedicato all’argomento.

Come coltivare la crassula ovata in casa?

Come è facile intuire dato che si tratta di una pianta grassa, coltivare la crassula ovata in casa non è un’impresa difficile: questa coltura, infatti, è resistente e non ha bisogno di troppe cure colturali, cosa che la rende perfetta sia per chi ha poco tempo, sia per chi è alle prime armi con il proprio pollice verde.

Terreno e concimazione

Il terreno che deve accogliere la pianta deve essere poco processato e avere delle ottime proprietà drenanti che aiuteranno a scongiurare il pericolo del marciume radicale (il ristagno idrico è il peggior nemico di tutte le piante grasse).

Per quanto riguarda il concime da usare, invece, questa va effettuata su base mensile durante i mesi della fioritura.

Luce e irrigazione

Tra i fattori a cui si deve prestare attenzione quando si coltiva una crassula ovata in casa, c’è sicuramente quello riguardante la sua illuminazione: la pianta, infatti, va posizionata in pieno sole o, comunque, in una zona dell’appartamento in cui arrivi molta luce.

Unica eccezione va fatta durante l’estate: troppa luce potrebbe bruciare le foglie della pianta, causandone la morte.

Come tutte le succulente, la crassula va innaffiata solo quando il terreno è completamente secco e asciutto, tanto che in inverno la somministrazione d’acqua può essere completamente sospesa e ripresa in primavera.

In estate, invece, dovrai fare un po’ più di attenzione alla quantità d’acqua da somministrarle: si tratta del periodo della fioritura e quindi il suo fabbisogno aumenta leggermente. Usa l’acqua a temperatura ambiente per l’irrigazione e usa la tecnica dell’immersione, che consiste nel mettere il vaso in una bacinella piena d’acqua e lascia che le radici assorbano il necessario.

Rinvaso e potatura

Date le sue caratteristiche, la crassula non ha bisogno di essere rinvasa in vasi troppo grandi e andranno bene quelli con un diametro di massimo 20 centimetri.

crassula ovata in casa

La crassula ovata non necessita di alcuna potatura.

Questa operazione, pur non essendo essenziale, deve essere fatta ogni due anni a fine inverno, sfruttando il suo periodo vegetativo.

Prima di effettuarlo, metti uno strato di ghiaia o argilla espansa nel vaso: in questo modo eviterai che si creino le condizioni che rendono più facile il formarsi di muffe varie. Una volta fatto questo, estrai la pianta senza rovinare il suo pane di terra e mettila nel nuovo contenitore senza stravolgere la forma delle radici; infine, aggiungi terreno per colmare gli spazi vuoti e compattalo.

Se cerchi dei buoni consigli su come effettuare il rinvaso, trovi tutto ciò che ti serve sapere in questo articolo.

La potatura della crassula ovata non è necessaria per motivi inerenti alla sua salute, ma può essere effettuata per motivi estetici dato che si tratta di una pianta che abbellirà il tuo appartamento.

Quali malattie colpiscono la crassula ovata in casa?

Generalmente, la crassula ovata in casa o in giardino viene colpita da malattie causate da una scorretta gestione della sua irrigazione.

Come abbiamo detto precedentemente, il peggior nemico di questa pianta è il ristagno idrico, causa del marciume delle radici e della conseguente perdita di foglie.

Le cause che portano all’insorgere di questa problematica sono due:

  • Eccessiva irrigazione
  • Terreno non sufficientemente drenante

Il secondo nemico della crassula è la muffa grigia, che causa delle macchie gialle sulle sue foglie. Il trattamento che bisogna effettuare, in genere, prevede la somministrazione di anticrittogamici.

Se, invece, la pianta viene attaccata da parassiti, sarà necessario usare funghicidi e insetticidi specifici a seconda del problema. Quando si subiscono attacchi di cocciniglia, invece, ti basterà eliminare il ramo o le foglie attaccate dal parassita (e poi trattarle con specifici prodotti).

 

Come suggerisce l’arte del Feng Shui, le piante e i fiori possono influire in modo positivo sull’energia che le persone percepiscono nei luoghi che abitano: decidere di coltivare la crassula ovata in casa influenzerà positivamente tantissimi aspetti della tua vita.

 

Fortuna e prosperità a te e alla tua crassula ovata!

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Crassula ovata in casa: coltivarla, curarla e proteggerla al chiuso ultima modifica: 2020-07-01T10:37:27+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati