Tecniche di fienagione: le informazioni più importanti

tecniche di fienagione

Tecniche di fienagione: se sei un agricoltore di vecchia data che bazzica in mezzo alle sue colture da un po’, sicuramente saprai benissimo cosa sia la fienagione e, soprattutto, quale tecnica meglio si adatta alle tue esigenze.

Se, invece, sei un agricoltore alle prime armi e l’unica cosa che sai è che la fienagione ha a che vedere con il fieno, eccoti arrivato nel posto giusto.

Insomma, che sia un ripasso per i veterani (se magari leggere qualche altro utile consiglio sul foraggio, clicca qui)o una vera e propria rivelazione per i neofiti, in questo articolo parleremo proprio di tecniche di fienagione

Uno, due, tre, partiamo!

Iniziamo dalle basi: cos’è la fienagione?

La definizione di fienagione, proprio come suggerisce il nome, è semplice: indica, infatti, la raccolta delle piante foraggere e la loro conservazione sotto forma di fieno.

Prendendo l’erba fresca, attraverso dei procedimenti specifici, questa verrà trasformata in fieno, ovvero dell’erba ormai essiccata e usata come mangime per vari animali da allevamento.

tecniche di fienagione

La fienagione è l’arte di creare le caratteristiche balle di fieno

Il fieno, che viene tagliato più volte l’anno, ha caratteristiche e proprietà diverse a seconda del momento della mietitura, prende diversi nomi:

  • Maggengo, è il fieno di primo taglio e viene raccolto durante il mese di maggio (o giugno) ed è il fieno qualitativamente migliore
  • Agostano, il fieno di secondo taglio
  • Settembrino o terzuolo, il fieno di terzo taglio è quello invece con qualità nutritive inferiori

Quindi, per dirla in modo meno teorico e più pratico, la fienagione è il procedimento che permette la creazione delle grandi balle di fieno che vediamo nei campi di tutta Italia.

La fienagione è costituita principalmente da 4 fasi:

  • Lo sfalcio
  • Essiccatura
  • L’andanatura
  • La pressatura

Vediamoli uno per uno.

Lo sfalcio dell’erba

Altro non è che il taglio dell’erba e il periodo in cui questo procedimento viene svolto determinerà la qualità del fieno ottenuto.

Essiccatura

Il secondo passaggio della fienagione è l’essiccatura. Questo passaggio si svolge in campo e non richiede particolari specifiche se non quello di lasciare il foraggio esposto al sole per un numero di ore sufficiente al raggiungimento di un’umidità compresa tra il 15 e il 18%.

L’andanatura

Consiste nel “mettere in ordine” il foraggio tagliato, spostandolo e movimentandolo con il fine di raccoglierlo in cumuli longitudinali detti, appunto, andane.

Pressatura

Il fieno, ormai asciutto, viene pressato e compattato.

Un aspetto cruciale di questo passaggio è l’umidità, che deve essere al minimo.

Tecniche di fienagione

Questi quattro passaggi sono essenziali per una buona riuscita del fieno e, pur essendo imprescindibili, la loro modalità di esecuzione va a incidere sul tipo di tecnica usata per la fienagione.

tecniche di fienagione

Le tecniche di fiengione variano in base alla permanenza del fieno sul campo

Al momento, le tecniche che vengono adottate sono due e la grande differenza è il tipo di cantiere usato per svolgerle:

  • La fienagione tradizionale: avviene completamente sul campo e il fieno non viene mai spostato durante l’essiccazione
  • La fienagione in due tempi: dopo una fase di pre-appassimento in campo, il prodotto viene portato in fienile per completare l’essiccazione

Varianti della fienagione in due tempi

La tecnica di fienagione in due tempi può declinarsi in due diverse modalità che dipendono dalla forma del foraggio al momento dell’essiccazione:

  • Essicazione artificiale del foraggio sfuso
  • Essicazione artificiale del foraggio già imballato

Nel primo caso, il foraggio sfuso viene caricato in fienili ventilati, dove verrà fatto essiccare attraverso le correnti d’aria prodotte dai ventilatori.

Nel secondo caso, il fieno viene raccolto, imballato e sistemato su una platea dotati di fori di aerazione che lo faranno essiccare.

Tecniche di fienagione: quale scegliere?

La scelta delle tecniche di fienagione, ovviamente, non è qualcosa da fare con leggerezza, ma ci sono vari aspetti da considerare prima di optare per una fienagione tradizionale o in due tempi. Queste ovviamente sono le sempre classiche:

  • Condizioni climatiche
  • Condizioni ambientali
  • Prodotto che si vuole ottenere

Pro e contro delle tecniche di fienagione

Se, per esempio, si vive in zone fredde e piovose, la tecnica di fienagione tradizionale potrebbe essere alquanto svantaggiosa, dato che l’erba non riuscirà mai a essiccare in modo naturale e non perderà mai la sua umidità.

Condizioni meterologiche avverse, per intenderci, possono portare anche a perdite del 40% prodotto.

tecniche di fienagione

Quale tecnica scegliere?

La fienagione a due tempi, in questi casi, diminuisce la permanenza del foraggio in campo e riducono drasticamente le perdite meccaniche, ma allo stesso tempo, può portare a una maggiore logorazione del prodotto: nella tecnica tradizionale, queste ammontano al 12%, in quella in due tempi si assestano tra il 3 e l’8%.

Insomma, se da un lato, con il metodo tradizionale si evita un eccessivo deterioramento del prodotto, con la tecnica a due tempi si riesce a velocizzare la produzione, poiché non si è completamente dipendenti dalle condizioni atmosferiche, svolgendola in 1 o 2 giorni.

In più, anche la qualità del foraggio prodotto migliorerà: non dovendo lasciare il foraggio a essiccare in campo, infatti, si potrà decidere in totale autonomia quando portare avanti la pratica della fienagione.

Durante la stagione primaverile, infatti, l’erba cresce molto velocemente ed è particolarmente ricca di sostanze nutritive utili agli animali.

La primavera, però, potrebbe portare con sé delle piogge tardive che potrebbero rovinare tutto il raccolto, se lasciato all’aperto.

Custodirlo e farlo essiccare in luoghi prestabiliti, ovviamente, regala un’ampia libertà di movimento ed evita la creazione di muffe nocive.

Attrezzi agricoli utili per la fienagione

Ora che hai scelto quale tecnica di fienagione adottare, sicuramente ti starai chiedendo come fare a fare tutto questo.

La risposta è semplice: con degli strumenti agricoli appositi che sono le macchine per lo sfalcio e per la raccolta del foraggio e le imballatrici.

tecniche di fienagione

Quali attrezzi meccanici scegliere?

Anche in questo caso, la macchina scelta può davvero fare la differenza e farti guadagnare tanto sia in termini di resa che di tempo, ma deve essere fatta con criterio.

Valuta bene le tue necessità, quali piante coltivi (graminacee come segaleavena o altre tipologie) e dimensioni del tuo terreno e stima quanto dovrai produrre.

 

Ora che sai tutto sulle tecniche di fienagione non ti resta che aspettare il momento giusto per metterle in pratica.

Buon lavoro!

 

 

 

Tecniche di fienagione: le informazioni più importanti ultima modifica: 2018-12-25T05:30:16+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati