Sistemi misti riso-pesce: la biodiversità che porta un grande reddito.

sistemi misti riso-pesce

Cosa sono i sistemi misti riso-pesce? Sono davvero così convenienti? Sono il Dott. Francesco Giannetti e oggi ti voglio suggerire un nuovo modo per poter incrementare i tuoi guadagni: i sistemi misti riso-pesce.

Di idee innovative te ne abbiamo fornite già alcune, dal gelato al Chianti fino all’orto subacqueo, ma stavolta l’idea vincente arriva dalla FAO. Vediamo insieme innanzitutto come nascono i sistemi misti riso-pesce.

Il progetto della FAO

Da molti anni la FAO sta lavorando ad un progetto (GEA, cioè “Greening the Economy with Agriculture”) di re-equilibrio delle risorse primarie nel mondo basandosi sul concetto di agro-eco-sistema. Questo concetto si basa sulla considerazione che qualsiasi campo coltivato e qualsiasi coltura agraria si comporta come un ecosistema, cioè un insieme di elementi organici (biotici) e inorganici (abiotici) che interagiscono tra loro e con l’esterno, creando un vero e proprio sistema ben strutturato, autosufficiente, dinamico, unito e funzionale.

Per fare un esempio, un semplice campo di grano è in realtà un complesso sistema di elementi organici (concimi, piante, fiori, insetti, ecc.) e inorganici (luce solare, acqua piovana, terra, aria, ecc.) che insieme lavorano per creare il prodotto finale (output): la granella di frumento che raccogliamo a fine stagione.

Tra gli obiettivi della FAO c’è anche quello di promuovere la biodiversità e l’uso ridotto di prodotti chimici, ma allo stesso tempo favorire l’aumento del reddito degli agricoltori.

Ecco che nasce così l’idea di creare nuove strutture di agro-eco-sistemi basate su 4 principi fondamentali:

  1. Connettività: la connessione delle risorse interne del sistema agrario tra loro e l’esterno. Più è alta la connettività, più l’agro-eco-sistema preso in considerazione è ottimale.
  2. Efficienza: un agro-eco-sistema deve utilizzare la minima quantità possibile di risorse naturali e con esse ottenere la massima quantità possibile di prodotto agrario.
  3. Resilienza: un agro-eco-sistema resiliente concede maggior sicurezza all’attività dell’agricoltore, perché permette di avere la certezza di tornare produttivo in caso di problematiche naturali.
  4. Capacità per un’economia verde: è la capacità di un agro-eco-sistema di produrre prodotti agricoli in modo ecologico e di essere ricco di biodiversità.

Ecco che, da queste premesse, nascono i sistemi misti riso-pesce.

sistemi misti riso-pesce

Cosa sono i sistemi misti riso-pesce?

I sistemi misti riso-pesce sono delle risaie in cui, grazie alla gran quantità di acqua presente, vengono allevati i pesci.

L’ittiocoltura nelle risaie, quindi, fornisce contemporaneamente tutti i mezzi per la produzione del cereale e delle proteine animali sullo stesso appezzamento di terra ed è il metodo agricolo misto coltura-pesce più utilizzato al mondo. Nessun’altra combinazione sembrerebbe essere così azzeccata e nutrizionalmente completa nelle zone rurali dove è presente una elevata disponibilità di acqua.

Nel caso di produzione biologica, l’uso degli erbicidi nelle risaie è vietato per norma di legge. L’uso di erbicidi è utile per eliminare le alghe (le erbacce della risaia) ma senza di essi le alghe aumenterebbero, soprattutto le alghe del genere Azolla, che sono azoto-fissatrici (quindi provocano un circolo vizioso che porta ancor più alla produzione di nuove alghe).

Inoltre, un altro punto di forza è che al giorno d’oggi il miglior modo di avere soldi in tasca è di non spenderli. Ecco quindi che grazie ai pesci, che si nutrono delle alghe, queste vengono rimosse avendo così un risparmio sugli erbicidi.

sistemi misti riso-pesce

Vengono inoltre ridotte anche le popolazioni di insetti patogeni, quanto basta per essere a livelli tollerabili dalla coltura del riso. Inoltre, il riso viene concimato dalle feci dei pesci. Senza erbicidi, quindi, si riduce anche l’inquinamento (avvelenamento!!!) dell’acqua e del suolo.

Guarda questo video di Youtube per avere un’idea più chiara di cosa ti sto parlando.

Analisi aziendale

I benefici nutrizionali e la produzione a basso rischio imprenditoriale possono dare ai coltivatori di riso la possibilità di diversificare la loro attività e la fonte del loro reddito, tanto più se non vengono utilizzati prodotti chimici e viene aumentata la biodiversità.

L’allevamento di pesci nella risaia è interessante perché è attuabile anche durante il periodo di inattività della risaia stessa. Mentre il riso fornisce un reddito limitato alla stagione in cui questo viene coltivato, l’allevamento di pesci è continuativo nel tempo e fornisce un reddito praticamente continuo.

Studi effettuati sui sistemi riso-pesce in Bangladesh, Cina, Indonesia, Filippine e Vietnam hanno riportato che gli incrementi dei ricavi netti sono dal 27% al 270% superiori rispetto alle risaie monoculturali. In Thailandia, invece, sono aumentati “solo” dell’80%.

Questi dati devono essere considerati certamente in relazione ad un contesto particolare come quello asiatico, ma di sicuro i sistemi misti riso-pesce sono assolutamente possibili da attuare anche in Italia e potrebbero portare grandi remunerazioni a chi li adotta. Quindi la conversione del riso da monocoltura a sistema misto avrebbe un impatto tremendamente positivo sul reddito degli agricoltori, anche al livello macro economico.

La diversificazione di prodotti (riso e pesce), inoltre, rende i sistemi coltura-pesce più resilienti ai cambiamenti del prezzo di mercato degli stessi.

sistemi misti riso-pesce

Analisi ambientale

La biodiversità è inserita in una struttura ecologica auto-sostenibile, in quanto nei sistemi misti riso-pesce si crea una comunità autosufficiente di organismi naturali che interagiscono in modo funzionale ed efficiente tra loro.

Altro aspetto da considerare è l’espansione delle terre coltivate (a spese di foreste e prati). I sistemi misti riso-pesce sono un esempio di scelta ecologica e razionale di gestione delle risorse naturali che parte da fattori di produzione (esterni) a basso costo e che incontra allo stesso tempo il bisogno di una intensificazione agricola e il bisogno di una diminuzione dell’inquinamento.

Dott. Francesco Giannetti

⬇ Condividi questo articolo ⬇

Sistemi misti riso-pesce: la biodiversità che porta un grande reddito. ultima modifica: 2017-10-29T19:04:21+00:00 da Francesco Giannetti

Articoli correlati