Semi ibridi: favorevole o sfavorevole il loro utilizzo?

Semi ibridi? Si, esiste anche questa categoria di semi! In questo articolo vi illustreremo che cosa si intende per semi ibridi e perché vengono impiegati in agricoltura.

Anche in questo caso esistono dei lati postivi e altri ritenuti negativi, ma non vi preoccupate cercheremo di analizzare tutti gli aspetti nel dettaglio.

Semi ibridi, cosa sono?

Molto spesso vi sarà capitato, di leggere dietro la bustina dei sementi la dicitura “semi ibridi”. Ma cosa significa tecnicamente questa scritta?

Per semi ibridi, chiamati anche semi F1, ovvero forza 1, si intendono tutti quei semi ottenute dall’incrocio tra due varietà o specie.

Non è una cosa nuova creare degli incroci, di fatto questa tecnica è ben nota all’uomo, che fin dai tempi più remoti ha effettuato quesi incroci per ottenere una migliore produttività in differenti campi, l’agricoltura tra tutte.

Anche in natura esistono spontaneamente degli innesti, basti pensare al lavoro continuativo delle api e della semplice azione del vento, che riesce a trasportare sostanze e polveri per differenti km.

Semi ibridi

 

Come si creano dei semi ibridi?

Cerchiamo ora si scoprire come poter realizzare dei semi ibridi e qual’è la tecnica che si nasconde dietro questi “incroci”.

Alla base di tutto bisogna iniziare a coltivare per diversi anni e tassativamente isolati due gruppi diversi specie.

All’interno di questi due gruppi, ogni anno è essenziale procedere con una selezione, cercando di scegliere e quindi esaltare, una determinata caratteristica che è risultata positiva.

L’esempio pratico e più intuitivo lo facciamo con i pomodori. (Vi abbiamo parlato delle coltivazioni di pomodori in questo articolo:Come coltivare i pomodori: la guida pratica in pochi passi)  Immaginate di avere due coltivazioni distinte di pomodori.

Una è predisposta alla resistenza di un determinato virus e risulta quindi essere molto forte, l’altra invece possiede delle caratteristiche positive in termini di estetica, un buon colore rosso e un consistenza molto soda.

Sulla coltivazione dei pomodori, ve ne abbiamo parlato qui: Come coltivare i pomodori: la guida pratica in pochi passi

Ecco quindi che dopo diversi anni di crescita separate, è necessario incrociarle, effettuando un’impollinazione di tipo manuale.

Dall’incrocio di queste due linee si ottiene una generazione di semi che avranno le caratteristiche che noi abbiamo selezionato: saranno quindi resistenti a un determinato virus e risulteranno di un colore rosso accesso e con una buona consistenza.

Ecco quindi che sono stati creati i semi F1 con esattamente i caratteri che avevamo menzionato precedentemente.

È importante però sapere che non è possibile realizzare tutti gli incroci, le specie che sono predisposte all’alta produttività difficilmente riusciranno a resistere a determinati virus.

Semi ibridi

Aspetti positivi e negativi dei semi ibridi

Per chi desidera coltivare dei semi ibridi deve sapere che non sempre è la scelta migliore investire su questi tipi di semi, ma d’altro canto questi possiedono delle caratteristiche positive, come la maggiore produttività e la maggiore resistenza alle malattie. 

Innanzitutto i semi ibridi, sopratutto per chi li utilizza a scopo industriale consentono una maturazione contemporanea. Questo aspetto è negativo invece per tutti coloro che utilizzano questi semi all’interno di un orto, dove è richiesta una maturazione di tipo scalare.

Gli aspetti negativi legate alle sementi F1, sono essenzialmente due. Il primo fattore che incide maggiormente è il costo, da considerare nettamente superiore rispetto ad altri tipi di semi.

Il secondo fattore è l’impossibilità di generare dei nuovi sementi da queste ultime, costringendo così il produttore a comprare sempre semi ibridi nuovi.

Le sementi F1 risultano di fatto sterili e impossibilitate a generare nuove piante. 

Lo sapevate che esiste una banca dei semi? Vi abbiamo raccontato tutto in questo articolo:Svalbard Global Seed Vault, la banca mondiale dei semi

In merito alle nuove tecnologie invece, guardate cosa è stato progettato:Inventati droni capaci di seminare un miliardo di alberi all’anno

Semi ibridi: favorevole o sfavorevole il loro utilizzo? ultima modifica: 2019-04-13T15:05:41+00:00 da Nicole

Articoli correlati