Cydia pomonella: come riconoscere e combattere il verme della noce

Cydia pomonella noce

a cura del prof. dott. agronomo Giuseppe Pepe

La Cydia pomonella è una farfalla che nella fase larvale viene volgarmente detto verme della noce; una piccola larva biancastra che possiamo trovare all’interno della polpa delle noci, della quale si nutre con le stesse modalità di alcuni altri parassiti delle piante quali ad esempio, le larve della mosca della frutta o della mosca dell’olivo.

Il noce è un albero molto longevo, maestoso, con frutti dalle elevate proprietà nutritive, raccoglibili in autunno. La coltivazione del noce e la produzione di noci però può essere compromessa dagli attacchi di parassiti che ne compromettono qualità e quantità.

Per coltivare buone noci è necessario quindi tenere sotto controllo malattie e insetti parassiti come in questo caso.

Oggi parleremo quindi della Cydia pomonella quando presente su noce, ovvero del verme delle noci, capiremo di cosa si tratta, come riconoscerlo e come allontanarlo.

Buona lettura!

Cydia pomonella noce

Descrizione della Cydia pomonella

La Cydia pomonella (Linnaeus, 1758) è un lepidottero appartenente alla famiglia Tortricide tra i più dannosi soprattutto, come si evince dal nome, per le pomacee, melo e pero in primis.

Questo insetto, detto anche carpocapsa del melo, però attacca anche il noce, penetrando all’interno della noce e causandone la caduta, la perdita o il deprezzamento.

Gli adulti di Cydia pomonella sono piccole farfalle di circa 15-22 mm di apertura alare; le ali sono quattro e quelle anteriori sono di colore grigiastro con striature bronzee trasversali più intense nei margini. La farfalla a riposo misura circa 1 cm di lunghezza.

Le uova di Cydia pomonella sono biancastre di forma lenticolare hanno un diametro di circa 1 mm. Si possono trovare deposte individualmente su foglie o frutti, senza formare gruppi.

Le larve, quelle che non poco spesso troviamo nella noce, misurano circa 2 mm; sono biancastre quando giovani, con la testa di colorazione scura; con l’avanzare della maturazione le larve di Cydia pomonella poi inscuriscono sempre più, divenendo gialle ed infine rosee o rossastre; la loro lunghezza, a maturità, è di circa 15-20 mm.

La crisalide di Cydia pomonella è di colorazione marrone, lunga circa 1 cm.

Cydia pomonella noce

Ciclo biologico

La Cydia pomonella su noce supera la stagione invernale attraverso lo stadio di larva matura, riparata in una struttura detta bozzolo, nascosta in luoghi di riparo negli anfratti della corteccia della pianta di noce oppure nel terreno, alla base della pianta di noce.

Arrivata la primavera le larve di Cydia pomonella si trasformano in crisalide e successivamente nel periodo che va da aprile e maggio, gli adulti prendono il volo; il picco di sfarfallamento più alto si ha nella decade centrale del mese di maggio.

Gli esemplari adulti di Cydia pomonella iniziano gli accoppiamenti e le femmine ovidepongono sulle foglie di noce; da queste uova nasce la prima generazione dell’anno le cui larve avviano l’attività trofica da fine maggio proseguendo fino ai primi giorni di luglio.

Terminato il ciclo delle larve di prima generazione, postumo alla formazione di una nuova crisalide abbiamo il secondo volo di esemplari adulti; questi sfarfallano nel periodo che va da giugno-luglio fino alla prima metà del mese di agosto per poi ovideporre nuovamente.

Le larve di questa generazione, la seconda dell’anno, sono attive da luglio a tutto il mese di agosto.

La seconda generazione di Cydia pomonella su noce ha un periodo di incubazione molto breve.

Infine dagli adulti di seconda generazione si genererà la terza generazione, quella che sopravvive all’inverno entrando in pausa e nascondendosi in qualche luogo di riparo. Il picco dei voli della terza generazione si ha nella seconda o terza decade del mese di agosto.

Le larve della terza generazione sono attive, in virtù degli ambiente e delle annate, nel periodo settembre-ottobre.

Pertanto la Cydia pomonella compie tre generazioni l’anno anche se in climi e/o in seguito a annate più fredde può ridursi a due generazioni annuali.

La Cydia pomonella su noce, in alcune zone dell’Europa centro-settentrionale può compiere una sola generazione.

Gli esemplari adulti di Cydia pomonella, su noce, sono attive di sera, durante il tramonto delle serate calde, con temperature intorno ai 20°C e prive di precipitazioni.

La deposizione delle uova è impedita da temperature serali sotto i 15°C. Le uova si sviluppano dopo 7 – 15 giorni, in base all’evolversi della temperatura.

verme delle castagne Cydia pomonella noce

Lotta alla Cydia pomonella

La Cydia pomonella viene combattuta secondo metodi razionali di lotta guidata ed integrata.

La lotta guidata si basa sul monitoraggio continuo in campo, sia visivo che utilizzando le trappole sessuali, a cattura massale e con esche.

Le trappole permettono inoltre, oltre che il monitoraggio, una buona difesa della pianta di noce dalla Cydia pomonella, attraverso la cattura massale continua degli adulti fino a fine stagione produttiva.

Le trappole per carpocapsa infine riducono sensibilmente il ricorso a pesticidi e vanno posizionate sulla pianta, una ogni due alberi di noce, nella parte maggiormente esposta al sole.

Ogni settimana vanno contati gli esemplari catturati e ogni 15 giorni le trappole vanno controllate e sostituite le eventuali esche.

Le esche per la Cydia pomonella si possono preparare come miscela di acqua-aceto-zucchero.

Le trappole vanno messe nel frutteto a fine aprile in numero 2-3 per il primo ettaro, ed una per ogni ettaro successivo al primo.

La soglia di intervento è di due maschi catturati per trappola per settimana.

Nemici naturali

I nemici naturali della Cydia pomonella sono molto numerosi, come i parassitoidi Imenotteri Trichogramma e Ascogaster quadridentatus; gli Icneumonidi.

La ricerca internazionale ha messo a punto preparati a base di virus Cydia pomonella G.V danno buoni risultati se distribuiti come i normali prodotti insetticidi.

Di possibile applicazione di lotta infine si ricorda anche la buona attività del fungo Beauveria bassiana.

In merito a prodotti insetticidi si può ricorrere a prodotti ammessi in biologico quali Spinosad o piretroidi o prodotti più persistenti, nocivi e non ammessi in bio nel caso di forti infestazioni, salvo tuttavia opportune precauzioni e consulti con un dottore agronomo abilitato alla consulenza fitosanitaria.

 

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Cydia pomonella: come riconoscere e combattere il verme della noce ultima modifica: 2019-08-20T03:54:31+00:00 da Prof. Dott. Agr. Giuseppe Pepe

Articoli correlati