La casetta a forma di tre gufi progettata per riscoprire la natura

Les-Guetteurs-Una casetta a forma di tre gufi

Chi passeggia nel verde intorno alla città di Bordeaux, in Francia, può imbattersi in una casetta a forma di tre gufi che si affaccia sul fiume Garonna.
Questa originale capanna di legno è il frutto della collaborazione tra Zébra3, una società di produzione di arte contemporanea locale, ed il collettivo artistico/architettonico Bruit de Frigo.
“Les Guetteurs” (“The Watchers”) è una delle 10 capanne in legno del progetto Les Refuges Périurbains, un programma che ha l’obiettivo di attirare ospiti e curiosi che desiderano scoprire nuove aree urbane tramite il soggiorno gratuito in questi rifugi periurbani ecologici situati in aree verdi ai margini della città di Bordeaux.

Les-Guetteurs-Una casetta a forma di tre gufi L’edificio in legno sembra un gruppo di gufetti, con gli occhi fatti di grandi finestre rotonde e piume fatte di lunghe strisce di compensato piegato e scandole di compensato più corte.
Dietro la scelta di progettare il rifugio a forma di tre gufi raggruppati schiena contro schiena che vegliano sul fiume Garonna c’è la designer Candice Petrillo che desiderava rappresentare i piccoli gufi di palude che nidificano in quella zona:
“L’idea degli uccelli mi è venuta molto rapidamente. Dopo l’ultima estensione della zona commerciale, li ho visti spesso volteggiare nel cielo alla ricerca dell’antica zona umida e secca. Il cenno dell’occhio animale e la curva del rifugio sono un omaggio agli scultori François Pompon e François-Xavier Lalanne.”

Les-Guetteurs-Una casetta a forma di tre gufi

Dalla casetta “Les Guetteurs”, completamente immersa nella natura, è possibile accedere direttamente su una banchina lunga 12 metri alla Garonna mentre il centro commerciale di Arcins Rives è appena dietro le canne.
Tantissimi abitanti della metropoli e visitatori di passaggio tra cui coppie, famiglie e amici, hanno scelto di vivere un giorno nelle teste dei gufi per guardare lo splendido panorama circostante, come dei veri e propri rapaci del bosco, attraverso le suggestive finestre-occhi e osservare le stelle, la luna, i riflessi del fiume nell’oscurità, dormendo insieme in cerchio come in un nido.

Les-Guetteurs-Una casetta a forma di tre gufi

All’interno di questa bizzarra casetta a forma di tre gufi possono soggiornare fino a 6 persone che dormono su tre livelli di zone notte attrezzate con nove materassi rotondi, che ricordano la forma dei nidi.
I bambini e le persone a mobilità ridotta possono dormire al piano terra così che gli adulti e gli accompagnatori possano vegliare il loro sonno dall’alto.

Les-Guetteurs-Una casetta a forma di tre gufi

Per “inserire l’uomo in un habitat naturale più autentico in modo da ricreare una coscienza più legata alla natura e al mondo animale” nei rifugi non ci sono elettricità, riscaldamento e acqua calda ma per coloro che desiderano riscoprire il contatto con la natura e disintossicarsi dallo stress quotidiano è un sogno che si può realizzare gratis prenotandosi per una notte online con parecchi mesi di anticipo!
Se desiderate fare un viaggio nei pressi di Bordeaux vivendo un’esperienza primitiva a contatto con la natura ricordatevi che le prenotazioni per soggiornare durante il 2018 nel rifugio “Les Guetteurs”, e nelle altre casette ecologiche, riapriranno a breve!

Laura Cannarella

Iscriviti

⬇ Condividi questo articolo ⬇

La casetta a forma di tre gufi progettata per riscoprire la natura ultima modifica: 2017-12-22T16:07:05+00:00 da Laura Cannarella

Articoli correlati