Rigenerare un terreno inquinato. Ecco l’impresa di questo agricoltore

rigenerare un terreno inquinato

Rigenerare un terreno inquinato è possibile? 

Questa domanda andrebbe posta a chi è riuscito in questo impresa, ovvero a Quintilio Menicocci.

Il protagonista della storia che vi raccontiamo in questo articolo, non è un laureato, un dottore o un agronomo, ma semplicemente un contadino che ama la sua terra.

Quintilio gestisce la sua azienda agricola ai piedi del vulcano Etna che prende il nome di: “Etna, Natura e Salute”. 

Ci troviamo esattamente a Nicolosi, in provincia di Catania, nella penisola siciliana.

rigenerare un terreno inquinato

Come è possibile rigenerare un terreno inquinato?

Per rigenerare un terreno inquinato e in particolare quello dell’azienda del signor Menicocci ci si è affidati alla permacoltura.

Cos’è la permacoltura?

Molto seplicemente la permacoltura è un metodo di coltivazione del terreno. Questo metodo, sulla base di principi e strategie del tutto ecologiche, permette di progettare insediamenti agricoli simili agli ecosistemi naturali. 

Questi ecosistemi essendo del tutto naturali, riescono a mantenersi in modo autonomo  e riescono inoltre a rinnovarsi con un basso impiego di energia.

Per tanti anni il terreno in questione è stato del tutto intossicato con fertilizzanti e prodotti chimici, ciò che ha fatto Quinitilio è stato semplicemente lasciare tutto nelle mani della regina sovrana, ovvero la natura.

Bisogna lasciare giusto tempo alla terra per rigenerarsi e fare il suo naturale ciclo.

Di fatto, appena rilevata, Quinitlio decise di aiutare la terra quel minimo che bastava, ma che la maggior parte del lavoro doveva essere fatto proprio da se stessa.

Oltre a questo principio, il contadino siciliano ha applicato anche in parte le leggi della macrobiotica.

Il terreno della sua azienda non è mai stato trattato con fertilizzanti chimici, veleni o prodotti simili.

rigenerare un terreno inquinato

Quali risultati ha ottenuto?

Dopo quattro anni dall’inizio di questa avventura, possiamo affermare che il signor Quintilio è riuscito a rigenerare un terreno inquinato.

Ben il 95% del totale del terreno risulta completamente risanato.

In questo progetto di risanamento sono stati di vitale importanza anche gli animali.

Di fatto, per Quinitlio gli animali sono indispensabili nel processo di rinascita di un terreno.

Nella sua azienda, possiede undici maialini, un oca e delle anatre. Tutti questi esemplari aiutano il terreno a liberarsi da tutto quello che è impuro.

È presente anche un cavallo, che svolge un importante funzione, come spiega Quintilio. Il cavallo è sia un tagliaerba naturale che un ottimo fertilizzante sempre del tutto naturale, ci spiega .

Vi ricordate di fatto l’importanza di concimare con il letame? Vi abbiamo spiegato tutto in questo articolo. 

L’esperienza di questo contadino è del tutto significativa e ci spiega la sproporzionata forza della natura.

Ogni anno di fatto, l’appezzamento in questione è sempre più sano e fertile.

I prodotti che sono frutto del suo lavoro sono genuini e del tutto naturali, senza traccia di prodotti chimici. 

Il terreno risulta molto produttivo e tutta la gente del posto è rimasta molto impressionata dal risultato ottenuto dal sig. Quintilio.

Sono stati proprio gli abitanti del posto a dare un aiuto economico iniziale per intraprendere questa impresa.

Durante i primi momenti vennero raccolti dei fondi per sostenere questa opera di risanamento, ma fu lo stesso Quintilio a promettere in cambio i frutti del suo terreno a tutti coloro che lo aiutarono.

In agricoltura e come nella maggiore dei campi, con pazienza e dedizione si riescono ad ottenere i risultati tanto desiderati e questo esempio ne è la prova pratica.

Rigenerare un terreno inquinato. Ecco l’impresa di questo agricoltore ultima modifica: 2018-03-03T10:52:03+00:00 da Nicole

Articoli correlati