Come coltivare la pianta di arachidi: tutto dalla semina alla raccolta

come coltivare la pianta di arachidi

Ti sei mai chiesto come si coltiva la pianta di arachidi? Sei curioso di sapere che tipo di tecnica coltura dovresti utilizzare? In questo articolo ti spieghiamo come coltivare la pianta di arachidi.

La pianta di arachidi

L’arachide (Arachis hypogea) è una pianta che appartiene alla Famiglia delle Leguminose (Fabacee), proprio come il fagiolo, la fava e il pisello. È originaria delle zone tropicali dell’Africa e dell’Asia. È alta dai 20 ai 60 cm e si sviluppa soprattutto sotto la superficie del terreno.

Come per tutte le Leguminose, il PAU (Prodotto Agricolo Utile) è rappresentato dai semi che, una volta maturi, diventano secchi. I semi sono racchiusi in un frutto, il quale ne contiene 2 o 3. Il frutto nasce a 4-10 cm di profondità. I fiori, infatti, una volta fecondati si inclinano naturalmente verso il suolo e vi penetrano.

come coltivare la pianta di arachidi

Esigenze ambientali

Per capire come coltivare la pianta di arachidi, è ovviamente necessario capire ciò di cui ha bisogno la pianta.

Essendo una pianta originaria delle zone tropicali, necessita di un clima caldo. Non tollera il freddo e quindi le temperature inferiori agli 8 °C. La temperatura ottimale si aggira intorno ai 22-28 °C.

Per quanto riguarda il terreno, quello ideale è ricco di sabbia, privo di sassi e ghiaia. Il motivo di questo tipo di terreno sta nel fatto che terreni meno scioli, argillosi e ricchi di scheletro potrebbe ostacolare la crescita dei frutti. Il ph ottimale, inoltre, è compreso tra 6 e 6,5.

Come coltivare la pianta di arachidi

Il terreno va preparato durante l’autunno effettuando prima di tutto una buona concimazione, possibilmente con letame di cavallo. In mancanza di questo, va benissimo qualsiasi concime, anche a lento rilascio. Le quantità medie necessarie per 1 Kg di arachidi sono:

  • Azoto (N): 1,5 g
  • Fosforo (P2O5): 6 g
  • Potassio (K2O): 2,5 g

Una volta effettuata la concimazione si esegue un’aratura ad una profondità di 30-35 cm. Nella primavera successiva, è bene, prima della semina, effettuare un’ottima erpicatura in modo da sminuzzare bene le zolle.

La semina può essere eseguita da marzo a tutto maggio, a seconda delle temperature stagionali. Per seminare le arachidi basta scavare delle buchette profonde 3-4 cm e mettervi dentro 2-3 semi. Affinché ci sia un’ottima riuscita di germinazione, leggere bene le indicazioni della Ditta Sementiera per ciò che riguarda la distanza tra le piante.

Quando le piantine hanno sviluppato 3-4 foglie, è consigliabile eseguire un diradamento. Il diradamento deve avere l’obiettivo di strappare le piantine peggiori nate da ogni buchetta e lasciarne solo una, quella migliore.

Durante la fase di coltivare, si deve effettuare qualche sarchiatura a seconda del bisogno, in modo da eliminare le erbe infestanti, arieggiare il terreno e incrementare l’efficienza dell’apporto idrico.

Altra pratica agronomica che ti suggerisco di eseguire è la rincalzatura. Questa proteggerà le tue piante di arachidi dalle alte temperature estive e diminuirà l’insorgenza di erbacce.

L’irrigazione potrebbe essere necessaria solo in periodo estivi molto secchi, in particolare nel periodo in cui si stanno sviluppando i semi (giugno-luglio).

come coltivare la pianta di arachidi

Raccolta e conservazione

Ora che sappiamo come coltivare la pianta di arachidi, passiamo alla raccolta e alla conservazione.

La raccolta si esegue estirpando tutta la pianta quando questa è completamente ingiallita. Di solito avviene da settembre a ottobre, cioè 4-5 mesi dopo la semina.

I semi di arachide possono essere mangiati anche subito dopo la raccolta. In questo caso si parla di prodotto fresco. Più comune, invece, è la consumazione dopo apposita essiccatura in campo, all’interno del baccello, fino a che sia presente una percentuale di acqua del 9-10%. In queste condizioni, infatti, possono essere conservati anche per oltre un anno.

Dott. Francesco Giannetti

Iscriviti

⬇ Condividi questo articolo ⬇

Come coltivare la pianta di arachidi: tutto dalla semina alla raccolta ultima modifica: 2017-12-13T06:24:50+00:00 da Francesco Giannetti

Articoli correlati