Piante da acquario facili da coltivare

Microsorium pteropus - Felce di Giava

Chi ha un acquario d’acqua dolce sa benissimo che la scelta delle piante acquatiche è fondamentale per equilibrare il PH dell’acqua, fornire ai pesci ossigeno e sostanze nutritive ed eliminare alcuni elementi nocivi agli abitanti dell’acquario.

Vuoi creare un affascinante scenario marino con piante acquatiche galleggianti e sommerse per fornire riparo e nascondigli ai tuoi pesci ma non sai quali piante d’acquario dolce scegliere perché sei alle prime armi?

Questo articolo ti farà conoscere le piante da acquario facili da coltivare, sistemare e mantenere, ideali per i principianti o per coloro che non hanno abbastanza tempo per la cura dell’acquario!

Anubias barteri

Perché in quasi tutti gli acquari d’acqua dolce c’è almeno un esemplare di questa pianta a foglie larghe originaria dell’Africa occidentale?

La resistenza e la capacità di vivere in condizioni di scarsa illuminazione dell’ Anubias barteri (di cui esiste anche una tipologia “nana” dalle foglie più piccole) rendono questa pianta acquatica a crescita lenta comunissima perché incredibilmente facile da coltivare

Per installarla nell’acquario basterà fissare le Anubias ad una radice di legno usando del filo di cotone o nylon o piantarle direttamente nel substrato di fondo ma stai attento a interrare solo le radici bianche e non il rizoma.

Anubias barteri variante nana

Bolbitis heudelotii (Felce del Congo)

Le piante acquatiche di Bolbitis heudelotii sono piante rizomatose a crescita lenta proprio come le Anubias.

Anche in questo caso una delle poche accortezze per farle prosperare nel tuo acquario è quella di non interrare il rizoma, perché rischierebbe di marcire, ma coltivarle legandole a legni, rocce o pietre.

Amano le acque mosse quindi posizionale preferibilmente vicino al filtro e, dopo averle installate nell’acquario, taglia tutte le foglie.

Attraverso questi piccoli trucchi le piante di Bolbitis heudelotii cresceranno a poco a poco adattandosi perfettamente al microclima dell’acquario.

Curiosità: una abbondante presenza di CO2 nell’acqua ne aumenta la velocità di crescita; la luce intensa rende le foglie più sottili e di un verde più chiaro ed acceso.

Bolbitis heudelotii - Felce del Congo

Microsorium pteropus (Felce di Giava)

Questa pianta originaria del sud-est asiatico condivide con le Anubias e le Bolbitis una caratteristica molto utile per i principianti di acquacoltura: la capacità di resistere ed adattarsi praticamente ad ogni condizione dell’acqua e di crescere anche con scarsa illuminazione.

La felce di Giava (o felce di Java) è una pianta epifita (in natura cresce sopra alberi e rocce) quindi dato che le radici non estraggono nutrienti dal sostrato è preferibile installarla nell’acquario ancorandola a legni o altri supporti, e non interrandone le radici, perché la ridotta circolazione di acqua del fondo potrebbe farla marcire.

Microsorium pteropus - Felce di Giava

Bacopa caroliniana

Questa pianta acquatica di origini americane appartenente alla famiglia delle Scrophulariacee è molto facile da reperire e da coltivare.

In un acquario ben illuminato la Bacopa caroliniana cresce robusta fino ad altezze elevate e quando supera la superficie dell’acqua produce piccoli fiorellini molto suggestivi di colore celeste scuro tendente al lillà.

Poiché questa pianta ama la luce intensa ricorda che gli steli vanno ben distanziati l’uno dall’altro per evitare che l’ombra prodotta dagli stessi, o dalle altre pianta dell’acquario, facciano cadere le foglie più basse.

Bacopa caroliniana

Ceratophyllum demersum (ceratofillo comune)

Il ceratofillo comune è una pianta galleggiante a crescita veloce molto utilizzata negli acquari per ossigenare l’acqua, assorbire nitrati e fosfati e rallentare efficacemente lo sviluppo di alghe.

Questa pianta ossigenante assorbe le sostanze organiche disciolte in acqua attraverso i suoi steli e le sue foglie aghiformi e offre riparo ai piccoli pesciolini nei loro primi mesi di vita.

Curiosità: per la sua spiccata rusticità questa pianta spesso viene utilizzata anche nei laghetti perché riesce a resistere anche a temperature esterne di -10 gradi.

Ceratophyllum demersum - Ceratofillo comune

Vallisneria spiralis

Questa pianta appartenente alla famiglia Hydrocharitaceae è spesso consigliata a coloro che cercano piante da acquario facili da coltivare e a crescita rapida perché non ha particolari esigenze per quanto riguarda temperatura e CO2.

La Vallisneria, che va posizionata in fondo all’acquario, è ideale per gli acquari grandi affinché le correnti d’acqua facciano ondeggiare in tutto il loro splendore le sue foglie sottili e molto lunghe (di norma superano i 50 cm).

Vallisneria spiralis

Ora che sai quali sono le piante acquatiche facili da coltivare per mantenere l’equilibrio dell’ecosistema del tuo acquario ed abbellirlo ancora di più non ti resta che provare a far crescere la tua prima pianta sott’acqua!

Laura Cannarella

Piante da acquario facili da coltivare ultima modifica: 2018-07-24T08:30:09+00:00 da Laura Cannarella

Articoli correlati