Madagascar: perché non puoi non visitarlo, almeno una volta nella vita

Dopo il Papaya Day, in cui abbiamo regalato grazie all’aiuto dei lettori di Noi Siamo Agricoltura una papaya e un sorriso agli abitanti di Tulear, ci siamo addentrati nelle zone più povere della città, proprio lì dove Aid4 Mada progetta di costruire un pozzo e avviare una coltivazione idroponica con il sostegno di Bloom Project.

Tulear è una scoperta che cambia la vita. Conoscere così da vicino la vera povertà è scioccante, anche per chi l’ha vista più volte attraverso i documentari o i film ambientati nelle zone meno ricche dell’Africa.

Abbiamo visitato le loro case, delle vere e proprie capanne di paglia e fango in cui igiene e pulizia sono praticamente sconosciute.

La semplice doccia, per noi una routine scontata, è trascurata sia dagli adulti che dai piccini. Abbiamo visto una donna di 52 anni usare il sapone per la prima volta grazie ad Aid4 Mada, che ha allestito una piccola dimostrazione per più di venti persone spiegando in che modo va usato un detergente per lavarsi.

Cercare un appoggio per le strutture agricole qui è davvero difficile. Il territorio è ricco di terreni che si prestano alla coltivazione, ma le risorse per lavorarli e la concezione di come dovrebbero essere lavorati sono completamente assenti.

Anche la stessa irrigazione delle colture non è contemplata, in una zona dove l’acqua corrente non esiste e le persone, per lavare se stesse e i propri indumenti, si recano ai laghi o ai fiumi più vicini poche volte alla settimana.

Il rovescio della medaglia, che è quello che più ci ha colpiti, è la gratitudine con cui gli ospiti vengono trattati. Gli “stranieri” vengono accolti senza diffidenza; al contrario, ogni piccolo gesto o regalo, come una papaya o un palloncino, vengono esaltati con ringraziamenti sentiti, sia dai grandi che dai bambini.

A Tulear si viene circondati dall’affetto. E’ impossibile non farsi coinvolgere dalla voglia di stare insieme, di cantare e ballare, di giocare con i bambini che non aspettano altro che un regalo, di qualsiasi portata, per essere felici.

madagascar

Cosa possiamo fare per aiutare concretamente Tulear e i suoi abitanti?

Aid4 Mada è impegnata da anni con adozioni a distanza e progetti che aiutano direttamente Tulear. Visita il sito per scoprire come puoi aiutare un bambino a distanza con soli 14 euro al mese e provvedere a tutto ciò di cui hanno bisogno per studiare e crescere.

E magari, se vuoi, potrai visitare questo figlio a distanza, un giorno. Anzi, puoi davvero farlo con noi l’anno prossimo: il Madagascar ti richiama e ti conquista, e vogliamo condividere con te questa magnifica esperienza dandoti la possibilità di viaggiare con Noi Siamo Agricoltura.

Giugno 2020: questo è il mese in cui torneremo in Madagascar e ti porteremo con noi, se lo vorrai, a visitare sia i posti più belli del cuore dell’Africa, sia le città più piccole e povere che cambieranno il tuo modo di vedere il mondo.

Il nostro sguardo sulla vita è davvero cambiato. Parti con noi e cambierà anche il tuo.

Per più informazioni sul nostro prossimo viaggio in Magadascar, manda un’e-mail a direzione@noisiamoagricoltura.com.

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Madagascar: perché non puoi non visitarlo, almeno una volta nella vita ultima modifica: 2019-06-22T09:34:30+00:00 da Simona Ruisi

Articoli correlati