Macchinari agricoli, esiste quello giusto per ogni tua esigenza

Macchinari agricoli

Il mondo dell’agricoltura è in continua evoluzione e molto si deve sicuramente allo sviluppo tecnologico che ha accompagnato il settore da secoli.

I macchinari agricoli, infatti, hanno saputo rendere il nostro mestiere più veloce e preciso permettendoci di focalizzarci su pratiche collaterali altrettanto importanti.

Nello specifico, in questo articolo parleremo dei macchinari Checchi & Magli che sono stati esposti all’ultimo evento EIMA e di quali possono essere sfruttati per velocizzare e migliorare qualitativamente tutte le pratiche da svolgere durante la coltivazione.

Pacciamatura: quali caratteristiche per un macchinario performante?

La pacciamatura è un’operazione che ha l’obiettivo di combattere la crescita di malerbe sul tuo terreno, mantenerlo umido e proteggerlo dall’erosione.

Come si effettua?

Ricoprendo la superficie trattata con altro materiale organico (erbaceo o legnoso).

Ovviamente sarebbe impossibile portare avanti un’operazione del genere a mano, ma bisogna avvalersi del supporto di un macchinario agricolo ad hoc capace di livellare bene il terreno e compattarlo.

Dato che si tratta di un macchinario importante per il tuo lavoro, noi ti consigliamo di prendere in considerazione uno strumento Made in Italy e di qualità.

  • Plastic Stop Plus è una pacciamatrice compatibile con materiali plastici o anche biodegrabili e disponibile in 2 versioni:
  • per film fino a 140 cm (55”)
  • per film fino a 190 cm (75”)
Macchinari agricoli

Plastic Stop Plus, la piaccimatrice Checchi e Magli che non teme confronti

Disponibile con vomeri o con dischi, con e senza rullo inox anteriore: insomma, puoi scegliere la combinazione che più rispecchia le tue esigenze.

Il trapianto in agricoltura: come farlo per ottenere il miglior risultato possibile?

Il trapianto è una tecnica molto importante nel mondo agricolo, poiché consiste nello spostare le colture da un terreno di crescita all’altro evitando che queste subiscano danni irreparabili.

Questo processo è diviso in 3 fasi:

  • asportazione della pianta
  • trasporto
  • ripiantamento

A meno che non si tratti di un comune rinvaso (usato soprattutto per piante piccole nel giardinaggio), il trapianto delle colture impone di coprire vasti spazi, cosa che richiede l’impiego di notevoli energie e risorse.

Per evitare che ciò succeda, è possibile automatizzare il lavoro usando una macchina specifica, la trapiantatrice.

  • Una macchina interessante è sicuramente la Dual 12 Compact, un prodotto originale coperto da brevetto internazionale a tutela della proprietà intellettuale

Dual 12 Gold in azione

Composta da 12 tazze con scarico a quinconce, la Dual 12 Compact è equipaggiata da parallelogramma a doppia articolazione e raggiunge una produzione indicativa di circa 5.000 piante/ora per operatore.

Insomma, un piccolo portento dell’ingegneria per semplificarti la vita.

  • Se, invece, avete di una macchina leggermente più piccola, ma comunque efficiente, il nostro consiglio è quello di studiare bene la Foxdrive Plus.

FoxDrive Plus: la trapiantatrice che cercavi

Si tratta di una trapiantatrice con un distributore a 10 pinze con un parallelogramma per ogni unità di trapianto con ruota in gomma frontale.

La produzione indicativa è fino a 2/2.500 piante/ora per persona ed è particolarmente indicata per piantine con radice nuda (come patate dolci/americane, fragole e lavanda).

Una terza alternativa, invece, potrebbe essere quella che fa rotta verso la versatilità e che può adattarsi ad esigenze (in termini di tipologie di colture e di impegno) che cambiano nel tempo.

  • Si tratta di Wolf Pro, un macchinario particolarmente gradito da chi opera nel settore delle vendite dirette e dei farmer market, dotato di massimo 8 tazze con apertura regolabile e facili da cambiare tazze rapido e parallelogramma.

Wolf Pro: versatilità prima di tutto.

La versatilità di Wolf Pro si concretizza nei suoi tanti impieghi: dalle piantine radicate in zolletta di torba ai semi, dai bulbi alle patate, su film di pacciamatura così come su terreno nudo, in serra come in campo aperto.

La tecnologia Wolf è combinabile con la pacciamatrice Plastic Stop Plus di cui abbiamo parlato qualche paragrafo più su, soprattutto per eseguire operazioni di posa del film plastico e quella di trapianto in un solo passaggio.

 

Se vuoi sapere di più sulle caratteristiche e specifiche dei prodotti Checchi & Magli, puoi contattare l’azienda attraverso il form di contatto attraverso il loro sito.

Macchinari agricoli, esiste quello giusto per ogni tua esigenza ultima modifica: 2018-11-23T05:30:35+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati