Fiori di cera: tutorial pratico su come prendersene cura

fiori di cera

I fiori di cera, noti anche come la pianta Hoya, devono la loro nomea è dovuta allo spessore delle foglie e dei bellissimi fiori che ricordano appunto il materiale ceroso.

Questa pianta viene spesso utilizzata negli appartamenti a scopo decorativo in quanto essendo una specie rampicante essa si posiziona e si sviluppa perfettamente sugli archetti decorativi presenti in moltissime abitazioni.

Questa pianta ha origini esotiche, essa infatti nasce e si diffonde inizialmente nel continente australiano e in quello asiatico più precisamente in Polinesia.

Vi sono numerose tipologie di piante della famiglia Hoya, ognuna con delle caratteristiche uniche:

  • la Hoya Carnosa, quella più diffusa nel continente europeo e nei climi mediterranei presenta delle particolari foglie arricciate
  • la Hoya Kerii più diffusa nel sud est asiatico presenta dei bellissimi fiori a forma di cuore
  • la Hoya Publicalyx si fa riconoscere per la peluria presente sui suoi fiori dai colori variegati e sgargianti.

Grazie alle sue rigogliose foglie, i lunghi fusti e i fiori color bianco o rosa pallido a forma di stella la pianta dai fiori di cera o Hoya Bella si distingue immediatamente dalle altre per bellezza e profumo.

A livello climatico la Hoya predilige ambienti caldo\umidi e luminosi rimanendo però al riparo dall’esposizione diretta della luce del sole; la temperatura massima che può tollerare è intorno ai 28 gradi mentre può resistere al freddo senza scendere oltre i 10 gradi.

Pianta dai fiori di cera: quando fiorisce?

La pianta dai fiori di cera è una pianta rampicante che si adatta e sviluppa rigogliosa sulla maggior parte delle superfici grazie alla particolare flessibilità ed estensione dei suoi fusti.

fiori di cera

Una pianta ornamentale perfetta per ogni tipologia di appartamento

Giunti verso fine primavera la pianta fiorisce mostrando i suoi stupendi e profumatissimi fiori stellati, il colore pallido è in contrasto con il centro rosso acceso mentre il raggruppamento in 15-20 fiori da 1 cm di diametro seguirà una disposizione quasi sferica.

La tonalità dei fiori, la forma e l’intenso profumo che essi sprigionano la rendono una pianta ornamentale perfetta, proprio come la lingua di suocera.

Nel caso si dovessero notare fiori morti è importante reciderli senza coinvolgere i peduncoli, essi infatti una volta estirpato il fiore morto potranno portare a nuove successive fioriture identiche a quelle fiorite in precedenza.

Prendersi cura della pianta dai fiori di cera

Come tutte le piante anche la Hoya necessita di alcuni accorgimenti per farla sviluppare il meglio possibile, innanzitutto essendo una pianta con poco sviluppo radicale necessiterà di un piccolo vaso.

All’interno del vaso è molto importante selezionare il tipo di terriccio da utilizzare.

La Hoya necessita di un terreno misto tra sabbioso classico e acido ed è consigliabile aggiungere al composto alcune sostanze nutritive.  Se la pianta non dovesse trovare le sostanze necessarie al suo sviluppo potrebbe rimanere senza fiori diventando una pianta verde del tutto anonima.

Per quanto riguarda l’irrigazione della pianta bisogna tener conto che per quanto la pianta prediliga ambienti caldo-umidi essa è molto sensibile ad eventuali ristagni d’acqua specialmente nel sottovaso che in breve tempo potrebbero portare le radici a marcire e quindi alla morte della pianta.

In estate quando l’idratazione della pianta è ancora più necessaria si consiglia di nebulizzare e innaffiare poco e spesso, in questo modo la Hoya riceverà l’acqua necessaria senza incombere nei problemi di ristagno sopra citati.

La pianta dai fiori di cera può essere coltivata tranquillamente anche all’interno dell’abitazione tenendo tuttavia conto che se si dovesse posizionare il vaso in una zona troppo ombrosa la mancanza di luce potrebbe incidere sulla crescita dei fiori.

In inverno quando le temperature iniziano a scendere sensibilmente è importante mettere al riparo la pianta dal freddo, per quanto riguarda l’annaffiatura in questo periodo è consigliabile intervenire una volta ogni 10 giorni.

fiori di cera

Adatta per ogni livello di esperienza, bastano poche cure per degli splendidi fiori

Comprendere i segnali di disagio della pianta

Le piante come qualsiasi essere vivente possono mandare alcuni segnali di un disagio dovuto al modo di curare la pianta e se si noteranno per tempo si potrà intervenire evitandone la morte definitiva.

Un errore comune che si può commettere è quello di esporre la pianta in modo troppo diretto sotto la luce del sole, in questo caso la pianta dai fiori di cera presenterà delle foglie imbrunite quasi da sembrare bruciate.

Se si dovesse notare un ingiallimento delle foglie invece è un chiaro segnale che abbiamo somministrato troppa acqua alla pianta nel nostro processo di innaffiamento.

Qualora si dovessero vedere numerose foglie cadute intorno alla pianta a quel punto vi è sicuramente qualche ristagno idrico che sta pericolosamente portando a marcescenza la pianta.

 

In conclusione la pianta dai fiori di cera è la pianta perfetta sia per i veterani del settore giardinaggio sia per i neofiti che vogliono cimentarsi nella coltivazione di una pianta originale e allo stesso tempo abbastanza semplice da far crescere.

La hoya, grazie alla sua adattabilità sia ai luoghi interni che esterni e alla resistenza ai diversi tipi di clima, non creerà particolari problemi se si tengono a mente i pochi accorgimenti sopra citati.

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Fiori di cera: tutorial pratico su come prendersene cura ultima modifica: 2021-06-14T09:17:37+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati