Fiori commestibili: quali sono e come usarli

insalata-di-fiori-commestibili-eduli-edibili

Se parliamo di fiori la prima cosa che ci viene in mente è il loro profumo e tutte le differenti tonalità di colore che possono assumere ma ci dimentichiamo che alcuni di essi hanno anche un sapore inconfondibile che li rende degli incredibili alleati in cucina come i buonissimi fiori di zucca!
L’uso dei fiori in cucina risale all’epoca dei greci e dei romani ma l’utilizzo dei fiori commestibili fa ancora parte della tradizione gastronomica di molte culture (cinese, mediorientale e indiana) in cui molte antiche ricette ne prevedono l’aggiunta ai piatti per dar loro un particolare tocco di sapore e colore.
Oggi molti chef di ristoranti stellati per rendere l’impiattamento elegante e sperimentare nuove combinazioni di sapori guarniscono le portate con i fiori cedibili ma anche nelle nostre cucine possiamo utilizzare i fiori commestibili, basta seguire alcune raccomandazioni e saperli abbinare con gli altri ingredienti per lasciare senza parole gli invitati!
insalata-di-fiori-commestibili-eduli-edibili

Quali fiori possono essere mangiati

È sicuro mangiare i fiori?
I fiori commestibili sono un ottimo alimento perché sono ricchissimi in minerali e vitamine e quasi senza grassi ma non ci si deve improvvisare chef stellati perché, esattamente come per i funghi, esistono diverse specie di fiori dannose per la salute dell’uomo e la cui ingestione può addirittura portare alla morte.
Prima di utilizzare i fiori commestibili in cucina conviene informarsi e pensare alla salute senza lasciarsi prendere dalla voglia di diventare artisti tra i fornelli a cuor leggero.
Ecco alcune raccomandazioni da rispettare per usare i fiori eduli in cucina in totale sicurezza.

Mangia i tuoi fiori

Poter utilizzare fiori coltivati con le proprie mani sarebbe l’ideale perché hai la certezza che non sono stati usati pesticidi o altre sostanze chimiche su qualsiasi parte della pianta.
Se vuoi iniziare ad utilizzare fiori in cucina ed essere certo che non siano velenosi chiedi ad un vivaista di fiducia quali piante producono fiori eduli.
In caso di dubbi consulta il tuo medico di famiglia, un erborista esperto o chiedi direttamente alla ASL.

Dove si comprano i fiori commestibili

È possibile acquistare fiori edibili presso rivenditori autorizzati o siti internet dedicati ma sempre più spesso è possibile comprarli anche nei supermercati, nel reparto di frutta e verdura, delle vaschette contenenti fiori freschi commestibili puliti e già pronti da utilizzare.

fiori-commestibili-edibili-eduli

Quali fiori non vanno utilizzati in cucina

Tra i fiori che non conviene mangiare per nessun motivo ci sono quelli dall’origine incerta quindi sia quelli venduti dai fioristi, che essendo trattati chimicamente non vanno considerati commestibili, né i fiori raccolti ai bordi delle strade e nei giardini pubblici perché anch’essi molto probabilmente hanno subito un trattamento a base di erbicidi o altre sostanze tossiche.

Non si mangia tutto il fiore

L’unica parte commestibile dei fiori sono i petali quindi, dopo aver identificato esattamente il fiore, vanno rimossi con molto cura sia i pistilli che i gambi.

Allergie e difficoltà digestive

Se sei allergico a qualche polline bisogna prestare ancora più attenzione all’utilizzo in cucina dei fiori commestibili quindi introducili per gradi perché potresti ignorare di soffrire di qualche allergia preesistente a qualche fiore.
Per sicurezza è consigliato a tutti di non esagerare a tavola con il quantitativo di fiori commestibili ingeriti in un singolo pasto perché il consumo eccessivo può causare lievi disturbi digestivi.

fiori-commestibili-eduli-edibili

Dal giardino al piatto

Ti è venuta voglia di metterti ai fornelli e provare qualche piatti a base di fiori?
Ecco 5 fiori commestibili di piante comuni con i quali potresti cominciare!

  1. Calendula

    I fiori di calendula essiccati sono per lo più usati in cucina per condire i risotti e la pasta perché colorano le pietanze di giallo e per questo sono conosciuti come lo “zafferano dei poveri”.
    I petali freschi di calendula
    , dal gusto leggermente amaro, sono invece per lo più utilizzati nella preparazione di insalate crude e frittate.

  2. Geranio

    L’ultima moda del momento è utilizzare i colorati e profumati petali di geranio per accompagnare formaggi freschi, tipo ricotta e crescenza, ma i fiori di geranio sono utilizzati in cucina in decine di preparazioni che spaziano dal salato (principalmente frittate e insalate) al dolce (semifreddi e sorbetti) fino all’utilizzo per aromatizzare liquori e vini.

  3. Malva

    La malva è una pianta che ha proprietà disinfettanti e antinfiammatori e per questo le sue foglie sono spesso utilizzate per la preparazione di tisane a scopo terapeutico ma anche i suoi fiori, dal caratteristico sapore leggermente dolciastro, possono essere utilizzati in cucina per insaporire risotti e minestre o per la preparazione di originali sughetti per condire la pasta.

  4. Nasturzio

    Sapevi che la profumata fioritura del nasturzio, che va da aprile a settembre, può colorare e insaporire anche la tavola?
    Le foglie e i fiori del nasturzio hanno un sapore agro-piccante deciso e sono ideali per preparare insalate, frittate o come condimento per cibi saltati in padella.

  5. Violetta

    I fiori di violetta sono molto usati in cucina per la preparazione di canditi e torte o per decorare per pasticcini, dessert e gelati ma possono essere utilizzati anche per guarnire preparazioni salate dal sapore delicato o rendere colorate e ancora più aromatiche le insalate.

Laura Cannarella

Fiori commestibili: quali sono e come usarli ultima modifica: 2018-04-20T19:03:10+00:00 da Laura Cannarella

Articoli correlati