Cremolì. Ecco l’alternativa made in Italy all’olio di palma

ramo di albero di olivo

Una valida alternativa all’ormai discusso olio di palma? C’è, ed è tutta italiana. Stiamo parlando di Cremolì, una crema di grasso solido vegetale a base di olio d’oliva. 

Ormai si sa l’olio di palma è stato messo sul banco degli imputati più e più volte, per questo motivo questa StartUp italiana, Mida+ ha pensato bene di proporre una valida e salutare alternativa.

Il prodotto in questione si chiama Cremolì, l’ingrediente principale di questo nuovo prodotto è il più nobile dei grassi.

Questo componente va così a sostituire tutti gli altri grassi, sia di origine animale che vegetali, considerati di minore qualità in quanto a valori nutrizionali.

Cremolì

Com’è nato Cremolì?

Come tutti i nuovi prodotti di mercato è nato da un esigenza di quest’ultimo di trovare delle valide alternative ai prodotti già esistenti.

Da tempo molte aziende volevano trovare un valido sostituto all’olio di palma ormai largamente discriminato. 

Sia in Italia, che in tutti i paesi europei, la propensione a buone e sane abitudini alimentari sembra essere diventato l’obbiettivo principale, trovare quindi un’alternativa valida all’olio di palma poteva diventare un importante passo in avanti.

L’idea nasce esattamente tre anni fa. Dopo aver fatto testare il nuovo prodotto ad alcune imprese dolciarie italiane, Filippo Pompili Ferrari, insieme al socio Erlado, decisero di avviare questa StartUp con a capo questo prodotto innovativo. 

Le difficoltà ovviamente non sono mancate, all’inizio di fatto, poterono contare solo sulle loro forze sia a livello finanziario che di produzione, con tutte le problematiche fisiche e psicologiche connesse.

Solo in seguito arrivano i primi fondi dalla UE. 

La vera fortuna però di Mida+ è stata quella di avere un buon supporto dalla filiale UniCredit di Ponte San Giovanni, che ha permesso a questa nuova e nascente StartUp di poter partecipare a uno dei concorsi più ambiti, ovvero il premio UniCredit Start Lab.

Mida+, con il suo Cremolì si classificarono al primo posto, godendo così di numerosi benefici e una considerevole visibilità nel settore. 

Ovviamente, la mossa mediatica contro l’olio di palma ha dato un forte impulso a questo nuovo prodotto, che insieme alla creazione di una vera e propria “Community” è riuscito a farsi conoscere.

 

Cremolì

Le qualità di Cremolì

Ed ecco che Cremolì ha iniziato ad affermarsi per le sue innumerevoli qualità, oltre che per i fatto di spinta sopracitati.

Cremolì è un prodotto del tutto privo di allergeni, colesterolo é conservanti di ogni tipo. 

La qualità sbalorditiva inoltre, è quella di riuscire a plastificare usando il 20% in meno di grasso rispetto alle altre sostanze, riuscendo comunque a donare la consistenza ricercata ma con meno calorie impiegate.

Senza dimenticare che la lavorazione di questo prodotto ha impatti positivi sull’ambiente. Fattore ormai da tenere molto in considerazione, considerando le tante aziende che lavorano a favore dell’ambiente. 

Se i consumatori al giorno d’oggi richiedono principalmente tre qualità: Gusto,Qualità e Salute, si può dire che Cremolì le rispecchia in pieno.

Cremolì mette in luce anche un prodotto simbolo del nostro paese, ovvero l’olio di oliva, da sempre considerato prodotto leader italiano.

Il futuro dell’azienda

Recentemente, il 2,7% dell’azienda è stato trasferito ad un investitore asiatico, lasciando comunque una buona fetta, ovvero oltre il 97% in mani nostrane. 

Questo permette alla società di poter espandersi sia a livello finanziario, avendo maggiori fondi di investimento, sia a livello espansivo.

L’intento di fatto di Filippo Pompili Ferrari e della sua troupe è quello di lanciarsi in tutti i mercati, soprattutto quelli considerati attualmente in forte espansione.

Filippo ha sempre creduto nel suo progetto e ora che la sua azienda ha chiuso il 2017 con una quotazione di quasi 4 milioni di euro è sempre più convinto della potenzialità del suo prodotto, dove la base e il motore di tutto ha sempre la stessa formula: “Fare innovazione attraverso la qualità”.

Cremolì. Ecco l’alternativa made in Italy all’olio di palma ultima modifica: 2018-03-02T10:23:05+00:00 da Nicole

Articoli correlati