La potatura del ciliegio: come e quando effettuarla.

“Una tira l’altra”, quante volte esclamiamo questa detto mentre le mangiamo! Esatto, stiamo parlando proprio delle ciliegie e più nello specifico del ciliegio. In questo articolo vi sveleremo tutti i consigli per effettuare un’adeguata potatura del ciliegio dolce.

Per poter mangiare questi deliziosi frutti è fondamentale che l’albero sia sano e produttivo, e affinché questo avvenga è necessario effettuare una corretta potatura del ciliegio, anche se in fin dei conti non è un albero che richiede particolari attenzioni o mano d’opera.

Innanzitutto c‘è da precisare che il ciliegio appartiene al genere che scientificamente prende il nome di Prunus e derivante dalla famiglia delle Rosaceae. È curioso sottolineare che a differenza di tutti gli altri alberi, come ad esempio l’olivo, la cui potatura è essenziale al fine della vita della pianta, in questo caso il ciliegio non ama in particolar modo una potatura minuziosa e insistente.

Proprio per questo motivo, la potatura del ciliegio si effettua principalmente nei primi due anni di vita della pianta, dove proprio quest’ultima prende delle forme strane, visibilmente poco piacevoli, ed è quindi opportuno procedere con questa operazione.

Il ciliegio soffre nel vero senso della parola la potatura, di fatto lo possiamo vedere perché proprio quando vengono effettuati i tagli, i rami fanno fatica a cicatrizzare e rilasciano quella sostanza gelatinosa, ben conosciuta da chi ha a che fare con il ciliegio.

Molti agricoltori preferiscono non potare affatto le loro piante di ciliegio, che come già detto non hanno una necessità estrema. Molto spesso queste operazioni vengono fatte a fini produttivi, per poter produrre appunto frutti più gustosi e prelibati.

In questo caso quindi è opportuno fare una distinzione netta tra la potatura di formazione, quella effettuata nei primi due anni di vita della pianta, e quella di mantenimento che viene fatta, come detto non obbligatoriamente, ma negli anni più maturi del ciliegio.

Nella potatura di formazione, l’obbiettivo principale è quello di dare alla pianta una forma appropriata e desiderata, visto che molto spesso le forme che prende il ciliegio sono alquanto particolari.

Come detto, un problema abbastanza rilevante per il ciliegio è la cicatrizzazione, ed è per questo che soprattutto nelle piante giovani è opportuno effettuare la potatura nei periodi caldi, in modo da aiutare la pianta in questo processo. È importante precisare inoltre, che in questo tipo di potatura, il taglio da effettuare deve essere di tipo obliquo, e in questo articolo vi abbiamo consigliato tutti i migliori attrezzi in commercio per poter effettuare un’ottima potatura, ovviamente per tutti i tipi di tasche.

Passando ora alla potatura del ciliegio adulto, c’è da fare molta attenzione al periodo. A differenza del ciliegio giovane, il ciliegio più maturo si può potare anche nei periodi più freddi. Ovviamente questo non è scontato, perché nelle zone particolarmente fredde, dove in inverno si arriva a temperature che toccano lo zero, è meglio attendere i periodi a ridosso della primavera, evitando però il periodo della fioritura, per garantire minor stress all’albero. Quando desideriamo potare un albero con diversi ani di vita è bene tagliare i rami che risultano poco produttivi, per generare la crescita di rami più giovani e quindi che riescono a produrre più frutti.

La potatura secca, nome che prende questo tipo di procedimento, molto spesso può essere effettuata anche a fine estate, lontano però sempre dai periodi di germogliazione.

L’albero del ciliegio è un albero estremamente resistente, che appunto non ha particolari esigenze. Resiste molto bene al freddo, e si adatta anche a tutti i tipi di terreno, non sopporta solamente i ristagni idrici.

Resistenze, produttivo, con poche esigenze ed estremamente decorativo, non a caso i fiori che produce il ciliegio sono di una bellezza davvero rara, in Cina di fatto il ciliegio simboleggia la bellezza femminile. Ah, senza dimenticare che le ciliegie hanno un ottimo contenuto di calcio e potassio… Possiamo quindi dire che non si fa proprio mancare nulla!

⬇ Condividi questo articolo ⬇

La potatura del ciliegio: come e quando effettuarla. ultima modifica: 2017-09-24T13:46:07+00:00 da Nicole

Articoli correlati