Vinca Pervinca: come coltivare la vinca minor

vinca minor

Vinca Pervinca“, come questo fiore venne chiamato dal Pascoli nella sua poesia “Il cuore del cipresso”.

Non del tutto nota è l’origine del suo nome, forse per la capacità che ha di ancorarsi, “vincere“, al terreno, o da “vincus”, flessibile, sempre nello stesso idioma, probabilmente per la sottigliezza del fusto.

Pervinca è la denominazione comune, Vinca è il suo nome scientifico (Linneo, 1753).

Vinca minor e Vinca major sono le specie più diffuse delle 7 conosciute, tra l’altro anche molto simili tra loro, nonostante la sottile differenza, per occhi ben allenati, da cercare nelle dimensioni delle foglie e dei fiori.

La Vinca minor è una pianta esteticamente piacevole, tipica del sottobosco (si sviluppa e cresce fregiandosi dell’ombra dei più grandi), piena di fiori dai colori più disparati.

pervinca nel sottobosco

Ideale per siepi e cespugli, coltivata in vasi (meglio se ampi) come ornamento per abbellire il giardino.

Pervinca: tassonomia

La Vinca minor (Linneo, 1753) è una pianta perenne ed erbacea dal portamento sia eretto che strisciante.

Fonti di tipo botanico collocano la sua origine in Madagascar, in Europa è stata introdotta e notevolmente diffusa.

  • Ordine: Gentianales
  • Famiglia: Apocynaceae
  • Genere: Vica

La sempreverde Pervinca mantiene le foglie anche nei periodi più freddi dell’anno. Crescono lungo tutto il fusto, una alternata all’altra, ovali di forma e verde scuro lucido nel colore.

Fusto, un rizoma per gli esperti, un fusto modificato per chi non è dell’ambiente, permette alla Pervinca di misurare altezze di 60 cm per il fusto sterile (quello che porta solo foglie), 30 cm sono le altezze dei fusti fertili, con foglie  e fiori.

particolare del fusto di pervinca

I fiori non hanno profumo e sono imbutiformi, bizzarri ma simpatici.

Dalla colorazione forte, tipicamente azzurro-violetto, compaiono tra Marzo e Maggio, possibilmente anche in autunno.

particolare del fiore di vinca minor

Il frutto, secco, una sola capsula contenete semi ovali e allungati di colore scuro, sono cilindrici ed appuntiti.

Terreno ideale per la Pervinca 

La Vinca minor non è coltura da pieno campo ma non per questo discriminata.

Coltura da vaso ampio, priva di particolari richieste e attenzioni, è una piante che si adatta bene, sviluppa le migliori condizioni con terriccio, torba e terreno da giardino, ricco ed umido, fresco e drenato, pH sub-acido.

Vinca minor necessità idriche

Quanto beve la Pervinca? Tanto.

Irrigazioni abbondanti si, che non causino però ristagno. Attenzione e moderazione vanno adottate nei periodi invernali o meglio nei periodi più freddi.

Pervinca: Ambiente ed Esposizione

Se si è in estete meglio tenerla all’aperto, in inverno è consigliabile avere in casa la nostra Pervinca.

L’optimum della pianta è tra 18-21°.

Il caldo lo sopporta bene fino a punte di 29°, d’inverno ha più difficoltà soprattutto a temperature sotto i 15°.

La luce è fondamentale per la Vinca minor, esporla in luoghi parzialmente soleggiati o anche in pieno sole.

Vinca minor: Messa a dimora 

Vinca minor è una pianta a cui piace allargarsi dominare gli spazi liberamente.

Il vaso è costrizione, meglio contenitori più ampi ed in consociazione con arbusti o alberelli, esteticamente più interessante.

pervinca in vasi ampi

L’inizio della primavera è il periodo migliore per la messa a dimora, è sufficiente scavare una buca, inserire la Pervinca e compattare la superficie con il terreno, nulla di diverso da altre piante.

Per seme, per talea o per propaggine naturale sono le metodiche di riproduzione.

Pervinca e concimazione 

Lo scopo per chi ha una Pervinca è quello di portarla a fioritura, deve fare fiori e anche tanti.

L’elemento che non deve mai mancare, a garanzia di una fioritura di tutto rispetto è il potassio, non può farne a meno, una volta ogni 10 giorni è sufficiente a soddisfare il suo fabbisogno in K2O.

Hai una Pervinca: Potala!

Nuovi germogli e conseguente fioritura, devono essere stimolati, e come farlo?  Semplice, potando!

La rimozione, con le potature frequenti della Pervinca, o cimatura in corrispondenza dei fiori secchi e vecchi, è la pratica da adoperare.

Avversità della Pervinca

Vero si che la Vinca minor non ha pregiudizi nei confronti dell’acqua e di conseguenza delle irrigazioni, più abbondanti sono meglio è, attenzione al nemico però è sempre li in agguato.

Le irrigazioni in eccesso sono causa di marciumi radicali, con successivo deperimento più o meno generalizzato della pianta.

I deperimenti predispongono la piante (in generale) alla morte dei rami e/o delle branche non solo, anche attacchi di parassiti secondari.

I ragnetti rossi sono altra causa di danno della Pervinca, l’acaro preferisce l’estate per sferrare il suo attacco, a clima caldo umido e non piovoso.

Predilige la pagina (faccia) inferiore delle foglie.

Pianta Vinca minor: i suoi usi

Diuretica, astringente, digestiva, ipotensiva: è la Pervinca in erboristeria.

Le foglie di  Vinca minor (Linneo, 1753) utili per dermatosi, ad alte proprietà antinfiammatorie.

Bagni ed impacchi con infusi di Pervinca, cosmesi per pelli delicate ed irritabili sono altri utilizzi adibiti all’attività di questa pianta. Manifesta efficacia ed efficienza anche per la cura di eczemi e di foruncoli.

Pervinca: conclusioni e curiosità

La Pervinca è anche conosciuta con altra accezione comune, “sposini”, da ricondurre al fatto che tradizionalmente era prassi utilizzare questo fiore da spargere davanti agli sposi.

Amicizia e fedeltà? Il simbolo giusto è la Vinca minor, nel linguaggio dei fiori ha anche altro significato più recondito ed anche malinconico. Comunica a chi lo riceve in dono che si conserverà per sempre il suo ricordo.

La Pervinca è caratterizzata dalla presenza di un alcaloide, una sostanza organica vegetale ma da attenzionare: è tossico se ingerito.

L’alcaloide in questione porta il nome di Vincistrina.

Ingerita, come dicevamo, causa nell’immediatezza nausea, vomito e febbre, l’effetto collaterale nel tempo è allucinazione, insonnia, cefalea e in casi peggiori convulsioni e coma.

Vinca minor è rustica di carattere, non necessita di cure particolari e si adatta bene anche fino a latitudini di 1500 m.

In alcune zone alpine si può addirittura avere la fortuna di trovare un fiore di Pervinca sotto la neve.

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Vinca Pervinca: come coltivare la vinca minor ultima modifica: 2019-06-12T14:39:51+00:00 da Francesco Mauriello

Articoli correlati