Come coltivare una pianta di limone: dalla messa a dimora alla raccolta

La pianta di limone è una delle più diffuse colture da giardino. Il limone in vaso è facile da curare e con piccoli segreti garantisce una buona raccolta di limoni ogni anno.

Scopri come coltivare una pianta di limone in questa breve guida.

pianta di limoni

Come coltivare una pianta di limone in vaso

Il limone (Citrus limon, (L.) Osbeck) è una pianta da frutto della famiglia Rutaceae.

Largamente diffuso in tutto il mondo, il limone, sia come pianta che come frutto, è particolarmente apprezzato e curato in Italia, specialmente al Sud.

Ne esistono numerosissime varietà, tanto da rendere difficile una classificazione definitiva. Alcuni sostengono che il limone stesso sia originariamente un ibrido fra due piante, in particolare tra il pomelo e il cedro.

Queste varietà si differenziano soprattutto per l’aspetto esterno: la buccia può essere liscia o ruvida, il colore giallo varia di intensità, può avere differente grandezza o protuberanze. Il gusto, invece, rimane pressoché invariato, nel suo sapore aspro ben noto a tutti.

L’albero di limone può raggiungere fino ai sei metri di altezza; tuttavia, è frequente anche la coltivazione in vaso come pianta ornamentale in casa.

Vediamo insieme tutte le nozioni base da sapere quando si decide di coltivare una pianta di limone in vaso.

Messa a dimora limone

La pianta di limone si riproduce solitamente per talea. Per questo è facile reperirla presso la maggior parte dei vivai, dove vengono curate minuziosamente.

Il vivaista saprà quindi consigliarvi al meglio, scegliendo con voi una pianta di limone su cui si dovrà effettuare solo il rinvaso.

Il periodo più indicato per iniziare la coltivazione della pianta è quello primaverile, lontano dal clima freddo. Il limone è una pianta che gradisce molto il sole, ed è per questo che, anche in inverno, il vaso va spostato dove l’esposizione solare è maggiore.

Se la pianta è coltivata in giardino, potrebbe essere opportuno salvaguardarla con delle protezioni adeguate a contrastare il freddo eccessivo.

Andiamo, quindi, al trapianto della pianta. Nella scelta del vaso bisogna tenere in considerazione la dimensione della chioma: il vaso dovrà essere grande quanto la chioma, o eventualmente poco più piccola. Puoi scoprire di più sul trapianto delle piante nel nostro articolo: “Trapianto delle piante, tutto ciò che c’è da sapere.

La scelta del vaso è altrettanto importante. Per evitare il surriscaldamento delle radici, si consiglia un vaso in terracotta, un materiale altamente isolante.

Per quanto riguarda il rinvaso, dovrebbe essere effettuato ogni due anni per una pianta giovane e ogni 3-4 in età adulta.

Terreno limone

Il terriccio ideale per un albero di limone è soffice e poroso, ricco di sostanza organica come per gli altri alberi da frutto, e umido. Assolutamente da evitare i ristagni idrici.

albero di limoni

Irrigazione limone

Se notate foglie gialle nella vostra pianta di limone, probabilmente non lo state nutrendo a sufficienza di acqua. Per regolarvi in maniera corretta, seguite semplicemente la stagionalità: più acqua nel periodo estivo, meno acqua nel periodo invernale.

Potatura limoni

Onde evitare il raggiungimento di dimensioni eccessive, la potatura di un limone in vaso deve essere ben effettuata, nonostante non richieda particolari competenze.

Quando potare il limone? Il periodo indicato è quello tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. Dalla base della pianta andranno eliminati i polloni e i succhioni, che potrebbero sottrarre nutrimento utile alla crescita dei rami.

I rami della pianta di limone tendono a dirigersi verso il basso per loro naturale conformazione. Il risultato della potatura deve garantire la corretta circolazione di aria e penetrazione della luce all’interno della pianta. Ecco perché è necessario togliere i rami secchi e quelli che impediscono queste due condizioni fondamentali.

Cura del limone: malattie della pianta di limone

Come per tutti gli alberi da frutto, le malattie del limone si possono distinguere in due categorie: quelle derivate dall’infestazione di funghi e quelle portare da parassiti che infestano la pianta colpendone alcune parti.

Tra i più comuni parassiti del limone ritroviamo gli afidi, la mosca della frutta e le cocciniglie. Abbiamo approfondito questo argomento nel nostro articolo: “Parassiti del limone: quali sono e come eliminarli definitivamente“.

Anche per le infezioni da funghi puoi trovare il nostro approfondimento in un articolo dedicato: “Malattie della pianta di limone: quali sono le più gravi e come curarle“.

irrigazione limoni

Raccolta e usi del limone

Oltre alla pianta, il termine limone identifica anche il frutto raccolto dall’albero di limoni.

Il limone è un frutto particolarmente apprezzato sia in ambito culinario che nella vita quotidiana. E’ infatti ricco di vitamina C, ha un’azione antiossidante e purificante sul corpo, è molto utilizzato in ambito cosmetico ed è, insieme agli altri agrumi, una delle fragranze più diffuse fra i profumi (famosissima l’acqua di Zagara).

Avere una pianta di limoni a casa è quindi un vantaggio che può essere speso in vari settori. E’ importante, però, scegliere il momento corretto per effettuare la raccolta: visto che i frutti possono rimanere sulla pianta per lungo tempo, si può scegliere di raccogliere i frutti solo quando sono realmente maturi.

Non vale la pena raccoglierli quando sono ancora verdi, nonostante sia pratica diffusa: in questo caso dovrebbero essere fatti maturare con interventi esterni e chimici, che comprometterebbero il fattore bio dei nostri limoni coltivati in casa.

 

 

Come coltivare una pianta di limone: dalla messa a dimora alla raccolta ultima modifica: 2018-09-27T06:57:00+00:00 da Simona Ruisi

Articoli correlati