Calendario trapianti orto: quanto trapiantare ogni pianta

trapianto orto

Il trapianto delle piante è un momento molto delicato.

Se eseguito nelle modalità e nei tempi sbagliati, infatti, l’intero apparato della pianta può essere rovinato irrimediabilmente.

Ogni pianta, inoltre, deve essere trapiantata solo in determinati periodi dell’anno, e non può essere trapiantata se non ha raggiunto una crescita sufficiente da poter essere trasferita senza danneggiarsi.

In più, molti agricoltori sono fedeli alle fasi lunari come riferimento al momento migliore per effettuare il trapianto.

Per maggiori informazioni sulle fasi lunari potete visitare la sezione dedicata al Calendario Lunare sul nostro sito.

Quando trapiantare?

periodo migliore trapianto piante

Come abbiamo detto, la scelta del momento giusto per trapiantare dipende da diversi fattori.

In primis, bisogna osservare la pianta e capire se è cresciuta abbastanza da poter passare dal vaso al terreno, o da un vaso ad un vaso più grande.

Questo dipende singolarmente da ogni pianta, e sarebbe impossibile riassumere qui tutte le caratteristiche che identificano una pianta come abbastanza matura per essere trapiantata.

Quello che però accomuna diverse specie di piante è il periodo in cui devono essere trapiantate.

Alcune devono essere trasferite in inverno; altre non devono essere toccate se non in estate.

E’ importante conoscere quand’è il momento migliore per trapiantare le piante del nostro orto.

Ecco perché riporteremo qui un calendario dei trapianti suddiviso per i mesi dell’anno.

Trapianti piante a gennaio

Gennaio è un mese abbastanza difficile per effettuare trapianti, a causa del clima freddo e delle frequenti gelate dei terreni.

In questo periodo possono essere trapiantati i bulbi e i rizomi di aglio, cipolla e scalogno.

Dove le temperature non sono eccessivamente basse possono essere trapiantati anche carciofi e fragole.

Pur essendo solitamente piantati direttamente sul terreno, alcuni legumi, come le fave o i piselli, possono essere trapiantati anche in gennaio senza protezioni sul terreno. Germogliano facilmente e sono molto resistenti al freddo.

Inoltre, in zone dove il clima non scende sotto lo zero, si possono anche piantare delle lattughe con la dovuta copertura.

Trapianti piante a febbraio

Anche febbraio è un mese caratterizzato da freddo intenso, pertanto i trapianti possibili, sia sotto tunnel che direttamente in campo, sono gli stessi di gennaio.

Febbraio è però un mese importante per la messa a dimora degli alberi da frutto.

Dal momento che molti di loro hanno una crescita che dura almeno un paio di anni prima di entrare in produzione, febbraio diventa il mese giusto per programmare una prima infiorescenza a distanza di 2-3 anni, poco prima della primavera.

Trapianti piante a marzo

quando trapiantare piante

Le temperature iniziano ad alzarsi e la primavera è alle porte.

Tuttavia, la possibilità di gelate tardive, soprattutto nel nord Italia, è da tenere in conto.

Ecco perché si procede con il trapianto di poche piante rispetto a quello che occuperà i successivi mesi primaverili.

Durante il mese di marzo possiamo comunque trapiantare cavoli, ceci, spinaci, lattughe e asparagi.

Intorno a metà marzo si procede anche con la piantagione delle patate.

Dove il clima si presenta un po’ più caldo, infine, possono essere trapiantati arachidi, coste, erbette, porri e rape.

Trapianti piante ad aprile

Il rischio di gelate tardive è quasi del tutto scongiurato: aprile è il mese in cui il trapianto di piante si fa più serrato.

Se temete che ancora possano verificarsi ritorni di freddo, basterà attendere la fine del mese e scongiurare basse temperature improvvise.

Attenzione soprattutto agli ortaggi, che ad aprile costituiranno il grosso del lavoro di qualsiasi contadino o agricoltore.

Ai trapianti di aprile si aggiungono quelli di fagioli, fagiolini, melanzane, peperoni, zucche, cetrioli, zucchine, cardi, angurie, meloni, sedano e basilico.

Trapianti piante a maggio e giugno

Maggio e giugno sono i mesi ideali per trapiantare le colture estive: sono tantissimi gli ortaggi che possono essere trapiantati in questo mese dell’anno.

Le colture del mese di aprile proseguono e si intensificano, quindi zucchine, peperoncini, pomodori e frutti estivi come l’anguria e il melone possono essere ancora trapiantati.

Si aggiungono inoltre broccoli, cavolfiori, prezzemolo, soncino, verza, capperi e barbabietole.

Trapianti piange a luglio

La possibilità di trapiantare piante nel mese di luglio dipende da tipo di clima nella zona.

Ad esempio, alcune piante come le zucchine e il sedano possono essere piantate in luglio solo se le temperature si mantengono miti anche in inverno, altrimenti si rischierebbe di andare incontro a gelate del terreno che ne rovinerebbero lo sviluppo.

Luglio è, per il resto, il mese dei cavoli nell’orto: in questo momento vengono infatti trapiantati cavolo cappuccio, cavolo nero, verza, cavolfiori e broccoli.

Porri e finocchi vanno messi in terreno anche in questo periodo.

Trapianti piante ad agosto

Mentre la maggior parte dei frutti estivi è ormai in via di raccolta, nell’orto si pensa già agli ortaggi invernali e autunnali.

E’ questo il momento di occuparsi delle messe a dimora di quei frutti che consumeremo a tavola nei mesi successivi.

Tra questi rientrano asparagi, basilico, ancora i cavoli, lattughe, indivia, radicchio, biete, sedano, porro e prezzemolo.

A inizio mese possono essere invece piantati il mais, i peperoni, le melanzane e le zucchine.

Trapianti piante a settembre

periodo migliore trapianto piante

Le coltivazioni di settembre sono pressoché simili a quelle di agosto.

Si aggiungono i finocchi, trapiantabili solo al sud Italia dato il clima mite invernale, e i carciofi, che andranno poi raccolti e consumati in pieno inverno.

Le piante coltivate a settembre dovranno andare comunque incontro al freddo nei mesi successivi. Per questo è consigliabile coprirle con una copertura protettiva o piantare sotto tunnel.

Trapianti piante ad ottobre

Ottobre è già un mese freddo in gran parte dell’Italia, pertanto le coltivazioni sono ben poche e sono sempre trapiantate sotto tunnel o con una copertura per proteggere le piante dal freddo.

Nel mese di ottobre possono essere messe a dimora alcune lattughe, la rucola, la verza e le cipolle.

Trapianti pianti a novembre e dicembre

Gli ultimi due mesi dell’anno sono caratterizzati dalle stesse temperature rigide di gennaio e febbraio.

Il ciclo dei trapianti subisce quindi una forte battuta d’arresto. Mentre a novembre si possono continuare a piantare bulbi e rizomi di aglio e cipolla, dicembre resta invece un mese essenzialmente di riposo del terreno.

Calendario trapianti orto: quanto trapiantare ogni pianta ultima modifica: 2019-02-21T11:00:42+00:00 da Simona Ruisi

Articoli correlati