Come allevare la gallina cocincina: tutto su questa prestigiosa razza

come si alleva la gallina cocincina

Vuoi iniziare a popolare il tuo giardino di simpatiche galline scorrazzanti?

Sapere come allevare la gallina cocincina, una delle razze più belle nel mondo dei polli, può essere un ottimo punto di partenza.

Questo perché la gallina cocincina, grazie alla sua bellezza e al suo carattere mite e docile, rimane uno degli animali da cortile preferito (a differenza di altre tipologie che possono essere molto più aggressive come questo fatto recente ci insegna).

L’allevamento, però, non è dei più semplici.

Ma non temere: in questo articolo ti spiegheremo tutte le caratteristiche della gallina cocincina, le sue particolarità e di cosa dovrai munirti prima di iniziare l’allevamento.

Se, invece, vuoi sapere quali sono le razza migliori per la produzione di uova, ti consigliamo di consultare questo articolo.

Iniziamo!

Gallina cocincina: origini

La gallina cocincina è una razza di pollo che prende il suo nome dalla regione dell’Asia da cui è originaria.

Venne importata in Europa a partire dal XIX secolo, attirando immediatamente l’attenzione degli avicoltori che iniziarono da subito un processo certosino di selezione della razza.

Per questo motivo, la cocincina assunse presto un aspetto molto diverso rispetto a quello avuto al suo arrivo in Europa.

La cocincina si impose da subito come una delle principali razze ornamentali, da compagnia, da bellezza o da esposizione.

come si alleva la gallina cocincina

La gallina cocincina è nota per la sua bellezza, tanto da essere una delle razze ornamentali più gettonate

In Italia si è costituito, nel 2008, il Club Italiano della Cocincina, i cui obiettivi sono la tutela e la valorizzazione della razza Cocincina e la divulgazione delle tecniche per il loro corretto allevamento, sia a scopo ornamentale sia a scopo espositivo.

Ma vediamo insieme quali sono le caratteristiche morfologiche di questa specifica razza di galline.

Gallina cocincina: caratteristiche generali

Per parlare della gallina cocincina, dobbiamo partire dalla distinzione tra due razze:

  • la cocincina gigante
  • la cocincina nana

Gli studiosi sono concordi, oggi, nel considerare la cocincina gigante e la cocincina nana come due razze completamente diverse.

Insomma, se inizialmente la cocincina nana era semplicemente una versione in miniatura della sua omonima gigante, con il tempo gli allevatori hanno proceduto a una selezione sempre più ferrea verso gli esemplari più arrotondati e bassi, creando nei fatti una razza diversa e lontana dalla loro sorella maggiore.

Nonostante questo, sono accomunate da diverse caratteristiche:

  • sia le femmine sia i maschi sono miti e docili
  • hanno una particolare predisposizione per la cova e producono almeno un centinaio di uova l’anno; tuttavia, soprattutto la cocincina gigante è oggi allevata soprattutto per scopi ornamentali o espositivi
  • le uova sono caratterizzate da un guscio rossiccio
  • il piumaggio è estremamente abbondante e, grazie al persistere del piumino infantile, riesce a conservare una bellissima morbidezza
  • il piumaggio folto le rende perfette per vivere nei climi più freddi
  • è essenziale che le piume rimangano pulite e non umide
  • hanno una discreta tendenza a ingrassare

Vediamo ora brevemente in cosa invece differiscono a livello morfologico.

come si alleva la gallina cocincina

La cocincina nana e la gigante hanno molte caratteristiche in comune, come la loro predisposizione mite e docile

La cocincina gigante

La cocincina gigante è una delle razze di polli più grandi e maestose che esistano: il gallo può raggiungere i 5,5kg di peso, mentre la gallina può arrivare ai 4,5kg.

Il suo piumaggio è gonfio e molto abbondante, tanto da ricoprire anche le zampe. Inoltre, in questa razza persiste il piumino infantile, che contribuisce a farla sembrare ancora più imponente.

La testa è più piccola rispetto al corpo, con occhi grandi e rossicci e con il becco curvo in punta.

La cresta è a cinque punte e dritta sia per la gallina sia per il gallo. L’unica differenza è nelle dimensioni: nel maschio è di media grandezza, mentre nella femmina è piccola.

Il groppone è alto quasi quanto la testa e questa è una delle caratteristiche che rendono la cocincina gigante una razza così armoniosa.

Le zampe sono di lunghezza media, mentre i tarsi sono corti e grossi.

Le varietà più conosciute sono le seguenti:

  • bianca
  • fulva
  • blu
  • argento orlata nero
  • sparviero
  • sparviero fulva

La cocincina nana

La cocincina nana, grazie alle sue proporzioni di 1:1:1 è considerata quasi come una perfetta sfera di piume.

Il suo piumaggio è infatti abbondantissimo ed estremamente morbido. Per quanto riguarda il peso, Il gallo può arrivare a sfiorare il chilo, mentre la gallina si ferma ai 0,9kg.

La testa è piccola e di forma arrotondata, con occhi piccoli e rosso bruni e un becco corto e arcuato.

La cresta, dritta sia nel gallo sia nella gallina, è piccola, da quattro o cinque denti e rossa.

Le zampe sono forti e corte, ricoperte di piume e con tarsi fini e corti.

Queste le varietà più conosciute di cocincina nana:

  • argentata frumento
  • oro orlata nero
  • perniciata
  • blu
  • bobtail
  • petto arancio
  • petto sparviero
  • sparviero

Gallina cocincina: il pollaio

Naturalmente, la prima cosa di cui dovrai occuparti, se dovessi ancora esserne sprovvisto, è la costruzione di un pollaio (per cui troverai tutte le istruzioni qui).

In alternativa, potrai facilmente acquistarlo già pronto sul web, in base alle tue esigenze.

Tuttavia, ti consigliamo di prevedere per le tue cocincine (sia giganti sia nane) uno spazio aperto abbastanza grande, in modo che possano correre quanto più possibile. Questo perché queste razze tendono ad ingrassare rapidamente e questo grasso in eccesso può portare a un temporaneo stop nella produzione di uova e, nei casi più gravi, alla morte dell’animale.

Come detto prima, le piume delle cocincine devono necessariamente rimanere pulite. Per far questo, dovrai essere sempre molto attento all’igiene del tuo pollaio:

  • preoccupati di accessoriare il tuo pollaio con un bagno di sabbia e cenere; per 4 galline basterà un bagno delle dimensioni di 1mq e profondo 40cm, riempito con sabbia e cenere di legna, a cui potrai aggiungere della terra diatomacea o dello zolfo sublimato. I bagni di sabbia e cenere sono indispensabili per proteggere le tue cocincine da acari e pidocchi
  • gestisti accuratamente le deiezioni notturne e diurne delle tue cocincine, tenendo il pollaio e il cortile sempre pulito dagli escrementi
  • occupati con costanza della manutenzione e della pulizia degli abbeveratoi e delle mangiatoie

Uno dei problemi principali all’interno del pollaio è la formazione, nei mesi di forte pioggia e neve, di uno strato di melma e fanghiglia, pericolosissimo per le tue cocincine perché, oltre alla proliferazione di batteri, questo fango mantiene le piume delle tue galline sempre umide, rovinandole.

Ecco come puoi ovviare a questo problema:

  • crea un’ampia copertura sopra la zona del pollaio
  • utilizza una base di cemento al di sotto del pollaio
  • predisponi attorno al pollaio un’area formata da ghiaia fine, alta 10cm e delimitata da mattoni
  • stendi della sabbia drenante, aggiungici paglia e trucioli di legno e al di sopra di tutto posiziona delle assi di legno che potrai eliminare una volta che saranno passati i mesi di pioggia

L’ultima accortezza che dovrai riservare alle tue cocincine giganti riguarda l’alimentazione: a causa della loro mole imponente, infatti, dovrai assicurarti di implementare l’apporto di vitamine e minerali, prestando particolare attenzione alla presenza di calcio nella sua dieta.

Sei pronto per iniziare il tuo primo allevamento di galline!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come allevare la gallina cocincina: tutto su questa prestigiosa razza ultima modifica: 2019-03-24T15:30:09+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati