Trattorini: perché è importante scegliere quello giusto?

trattorini solis 26

In un paese come l’Italia, dei trattorini versatili sono un mezzo importantissimo quando si è un agricoltore serio.

Non molti lo sanno, ma la nostra nazione vanta una grandissima quantità di colture specializzate, importanti sia dal punto di vista economico che di approvvigionamento.

Pur non necessitando tutte delle stesse cure, le colture specializzatile, hanno bisogno di attenzioni costanti e dedicate. Questo, spesso, vuol dire impiegare anche macchine agricole che possono garantire una precisione di lavoro incredibile in poco spazio.

Ed è in questo contesto che, appunto, inseriamo i trattorini.

Trattorini e trattori: quali sono le differenze?

Nell’immaginario comune, il trattore è il mezzo agricolo per eccellenza. Potente e grandissimo, è il migliore amico degli agricoltori perché permette loro di effettuare operazioni complesse in poco tempo e senza sforzo fisico.

Come abbiamo detto, però, ogni coltura ha le sue esigenze e di conseguenza è impossibile adoperare lo stesso mezzo agricolo sia per un campo sconfinato che per un piccolo appezzamento di terra gestito nel tempo libero.

Ecco perché, grazie al progresso tecnologico, sono stati creati dei mezzi di dimensioni più piccole rispetto al tradizionale trattore, ma comunque in grado di svolgere, in scala, le sue stesse funzioni.

Il trattorino, infatti, ha una larghezza inferiore rispetto al fratello maggiore. La carreggiata, infatti, è più stretta rispetto al trattore classico da usare in campo aperto e questo, ovviamente, gli conferisce maggiore manovrabilità in ambienti effettivamente più piccoli.

Come si sceglie il modello giusto?

Il Solis 26

Il Solis 26 è un trattorino perfetto per lavori di precisione

Proprio come succede per tutta la gamma di attrezzi e macchinari dedicati all’agricoltura, anche la scelta del trattorino giusto va valutata con cura e attenzione.

In un mercato ricco di offerte e in costante movimento, i fattori da tenere in considerazione prima di un acquisto così importante sono effettivamente tanti ed è sempre meglio avere una panoramica completa dell’offerta prima di prendere la propria decisione.

Prima di tutto, bisogna studiare i modelli disponibili.

Al momento, infatti, i trattorini per frutteto si dividono in due grosse categorie:

  • Trattorini isometrici
  • Trattorini tradizionali

I primi, quelli isometrici, sono dotati di quattro ruote delle stesse identiche dimensioni, hanno un baricentro più basso e, avendo il motore posizionato nella parte anteriore, garantiscono un saldo equilibrio in moltissimi contesti impervi.

I secondi, quelli tradizionali, presentano le ruote di due dimensioni diverse e sono, a oggi, il modello di trattorino più venduto e ricercato dagli agricoltori. Oltre alla conclamata stabilità, infatti, questi modelli sono quelli su cui viene fatta la maggiore sperimentazione da parte delle case madri e quindi non è raro trovare funzionalità o caratteristiche tecniche particolarmente avanzate.

Le differenze di questi due modelli dipendono dall’uso che se ne si deve fare.

Gli isometrici, per esempio, vanno benissimo su terreni scoscesi e ripidi; in situazioni pianeggianti, dove invece c’è bisogno di un mezzo potente e con una buona forza di trazione, il trattorino tradizionale potrà essere un fedele alleato, anche perché molto spesso il comfort è superiore.

Trattorini Solis 26

volante solis 26

Facile da guidare e da gestire

Nel caso specifico del trattorino tradizionale, un modello che sta facendo davvero parlare di sé ultimamente è il Solis 26 prodotto dall’azienda Sonalika International.

Il peso totale è di 1050 kg e monta un motore Mitsubishi da 26 cavalli e una cilindrata di 1318.

Questo mezzo, infatti, riesce ad accontentare chiunque cerchi un ottimo compromesso tra guidabilità e potenza, aiutando davvero a raggiungere nuovi livelli di produttività.

Solis 26 è perfetto per il lavoro professionale in campo o in serra ma anche per il fai da te di hobbisti esperti.

La gamma di Solis da 26 cavalli è ricca e vanta 3 versioni disponibili:

  • Solis 26 a trasmissione 6+2
  • Solis 26 a trasmissione 9+9 con inversore (l’unico del mercato con questo tipo di trasmissione)
  • Solis 26 HST a trasmissione idrostatica

Il mezzo è assolutamente comodo da guidare: il suo servosterzo idraulico, infatti, riduce lo stress di chi lo opera, garantendo quindi ore di lavoro in totale sicurezza.

In più, Solis 26 risulta perfetto per qualsiasi condizione di lavoro, assicurando un lavoro preciso e curatissimo. Il motivo è da trovare nelle sue quattro ruote motrici, capaci di garantire una trazione efficacissima e, soprattutto costante.

Il mezzo, versatile, può essere equipaggiato con diversi allestimenti di pneumatici:

  • Industriali
  • Agricoli
  • Garden
  • Wider Turf (ovvero ruote da giardino più alte e più larghe)
  • Galaxy Pro (una via intermedia tra i garden e le industriali)

Insomma, una bella risorsa per tutti coloro che vogliono più potenza, maggiore versatilità e maggior risparmio.

 

 

 

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Trattorini: perché è importante scegliere quello giusto? ultima modifica: 2022-07-21T12:21:26+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati