Controlli di etichetta dei prodotti per la difesa biologica

controlli etichetta

Chi si occupa di agricoltura, sicuramente lo sa: leggere, comprendere e applicare quanto scritto nelle etichette dei fitofarmaci è una parte fondamentale del mestiere. Dalla loro corretta applicazione, infatti, dipende, in buona parte, il futuro delle colture e del raccolto.

La categoria dei prodotti fitosanitari comprende tutti quei prodotti che servono per proteggere le piante da minacce di varia natura, siano funghi, insetti o altre piante e, proprio per questo, nella categoria troviamo inclusi:

  • Insetticidi
  • Fungicidi
  • Erbicidi

Trattandosi di prodotti chimici, è buona norma usarli con precauzione e misura, seguendo sempre le indicazioni riportate sull’etichetta.

Registro dei trattamenti e i prodotti per la difesa biologica

qdc quaderno di campagna

Il registro dei trattamenti fitosanitari è una pratica obbligatoria per gli agricoltori e le aziende che operano nel primo settore.

Si tratta di una pratica che permette di tenere traccia, come dice il nome stesso, di tutti i trattamenti e prodotti che vengono applicati sulle colture e sul terreno, permettendo, quindi, il costante monitoraggio di quanto successo in campo.

Sebbene sembri una pratica burocratica semplice, il livello di cura e precisione che serve per eseguirla è abbastanza alto perché non solo i trattamenti somministrati devono essere a norma di legge, ma devono essere anche eseguiti seguendo in modo impeccabile quanto riportato sull’etichetta del prodotto scelto.

Le etichette degli agrofarmaci, infatti, sono spesso complesse e presentano vincoli precisi come:

  • Il numero massimo trattamenti nell’annata agraria
  • Il numero massimo di trattamenti per un determinato parassita
  • Il rispetto di dosi minime e massime
  • Il rispetto degli intervalli tra un trattamento e l’altro
  • Il rispetto dei tempi di rientro
  • Il rispetto delle buffer zone
  • Il quantitativo massimo di sostanza attiva da utilizzare nel giro di più anni
  • La modalità d’impiego
  • L’intervallo di sicurezza da far trascorrere prima della raccolta
  • Le indicazioni per la preparazione della miscela
  • Il periodo ottimale di intervento

Sebbene si tratti di prodotti che gli agricoltori maneggiano spesso, ciò che molti ignorano è il fatto che le etichette cambino nel tempo: se, per esempio, avete una scorta di prodotti a vostra disposizione, non è detto che l’etichetta presente su di esse sia effettivamente l’ultima rilasciata e approvata.

Cosa succede, allora?

Che prima di applicare un prodotto specifico diventa necessario verificare che il modo in cui volete utilizzarlo sia in linea con le normative attuali.

Tutto ciò comporta il dover iniziare un complesso lavoro di ricerca dell’etichetta più aggiornata possibile, seguire in modo precisissimo, quanto riporta e segnare tutto ciò sul registro dei trattamenti di modo da essere in regola nel caso di controlli.

Questo, ovviamente, è valido per tutti coloro che scelgono di usare i classici registri cartacei o su un file Excel e che, quindi, devono compiere tutto questo lavoro di analisi manualmente, allocando tempo e risorse preziose a un processo che potrebbe essere molto più semplice.

Registro dei trattamenti online ed etichette aggiornate

Al giorno d’oggi esistono delle interessanti soluzioni per rendere la compilazione del registro dei trattamenti una pratica rapida e indolore.

Uno di questi è QdC® – Quaderno di Campagna®, ovvero un software che, avvalendosi delle banche dati aggiornate di FitoGest®, assicura all’agricoltore di disporre sempre l’etichetta giusta per il momento in cui è stato effettuato il trattamento.

La banca dati di Fitogest® è aggiornata costantemente e “temporizzata” per cui, quando si registra un trattamento eseguito in un particolare giorno, il tool userà l’etichetta in vigore in quel preciso momento.

Gli aggiornamenti del tool sono automatici e, di conseguenza non ci sarà bisogno di scaricarli manualmente.

Insomma, QdC® può rivelarsi un aiuto davvero imprescindibile per chi non vuole rischiare guai per colpa di un’etichetta non aggiornata.

Utilizzabile su ogni tipo di device (PC, smartphone o tablet), questo strumento sfrutta i vantaggi della tecnologia, mischiandoli alla conoscenza e competenza del team di agricoltori che ha contribuito a realizzarlo.

Se vuoi provare come funziona, qui trovi una demo gratuita per 15 giorni.

 

 

Pensi che le informazioni presenti in questo articolo siano incomplete o inesatte? Inviaci una segnalazione per aiutarci a migliorare!

SEGNALA ARTICOLO


Controlli di etichetta dei prodotti per la difesa biologica ultima modifica: 2022-07-03T09:08:19+00:00 da Giulia Corrias

Articoli correlati