Come avviare un allevamento di lombrichi. Tutto ciò che c’è da sapere

lombrichi

Se è vero che la terra ha mille risorse, oggi sosteremmo questa tesi ancora una volta. Dopo le svariate attività possibili legate ad essa, è giunto il momento di parlarvi della lombricoltura. Vi daremo tutte le linee guida per avviare un allevamento di lombrichi.  

Per prima cosa, per chi non lo sapesse, con il termine lombricoltura, ci riferiamo proprio all’allevamento professionale di lombrichi. Molti si chiederanno: E con i lombrichi cosa si può fare?! Sembrerà strano, ma proprio i lombrichi, possono diventare in tempi brevi una realtà solida e con grandi aspettative. Avviare un allevamento di lombrichi ha proprio lo scopo di commercializzare sia i lombrichi stessi, sia l’humus prodotto appunto da questi piccoli insetti.

avviare un allevamento di lombrichi

Per delineare il campo, ci focalizzeremo su una specie ben definita, l’Eisenia Fetida, nonché anche la più conosciuta, chiamata comunemente: verme rosso californiano. Questo lombrico, appartiene alla grande famiglia degli Anellidi e la sua straordinaria capacità sta nell’ingerire materia organica pari a più del doppio del peso del suo corpo. Altra caratteristica da non dimenticare è sicuramente la sua straordinaria riproduttività.

A differenza della maggior parte delle specie animali, il lombrico non respira mediante l’apparato respiratorio, ma grazie all’umidità del terreno ricava l’ossigeno necessario per vivere.

Se per qualcuno possono essere innocui insetti, in realtà svolgono tantissime funzioni, per questo motivo è opportuno cercare di capire come avviare un allevamento di lombrichi.

Proprio i lombrichi sono capaci di incrementare l’areazione del terreno, favorendo in questo modo la decomposizione aerobica del terreno. Favoriscono inoltre la permeabilità del suolo, di fatto, proprio i lombrichi sono capaci di scavare delle buche fino a più di 2 metri di profondità. I lombrichi inoltre, aumentano la dispersione di sostanze nutritive all’interno del terreno, senza dimenticare la loro azione fertilizzante sul terreno stesso. Inoltre, quando sono presenti i lombrichi, sicuramente non saranno presenti sostanze nocive e tossiche nel terreno, questo perché altrimenti i lombrichi non potrebbero vivere.

 

Perché decidere di avviare un allevamento di lombrichi?

Innanzitutto è consigliabile e più conveniente agli inizi avviare un allevamento di lombrichi come secondo lavoro, studiare il mercato commerciale e terminare diversi cicli produttivi, solamente in un secondo momento è opportuno concentrarsi a pieno regime su questa attività.

Il concetto chiave su cui ruota l’idea di avviare un allevamento di lombrichi è quello di cercare un nuovo modo di produzione del cibo poiché come tutti sappiamo il mondo in cui viviamo è un mondo sempre più inquinato da fabbriche e gas nocivi e saldato in mano alle grandi ed immense multinazionali.

In questo scenario, che potrebbe apparire grigio e pessimistico, si apre il concetto del biologico, che ogni anno ottiene numeri positivi e di crescita. Tutto quello che ruota quindi, intorno al biologico sta avendo dei riscontri positivi. È in questo contesto, scenario e ambito che andiamo quindi a collocare questa prospettiva di allevamento.

Al giorno d’oggi per tenere a regime, guadagnare e produrre cosa deve fare una azienda agricola?

Tenere i costi più bassi possibili riducendo gli sprechi e cercando di riciclare la materia organica. Anni e anni per cercare qualcosa che potesse svolgere queste funzioni, quando i lombrichi riescono perfettamente a soddisfare queste condizioni. Se è vero quindi che le aziende biologiche si stanno moltiplicando e che il biologico è sempre più richiesto, allora anche la lombricoltura potrà godere di questo scenario.

 

allevamento di lombrichi

Attività legate alla lombicoltura

Come anticipato, i lombrichi svolgono innumerevoli attività legate in modo diretto e indiretto all’agricoltura. La premessa di fondo è sicuramente che la domanda non soddisfa la produzione nel nostro paese. I lombrichi trovano vendita diretta presso gli allevamenti di animali, nei negozi di pesca, negli impianti di acquicoltura e presso le aziende agricole.

Oltre alla vendita diretta dei lombrichi, questi ultimi diventano importantissimi perché producono l’humus, un fondamentale componente chimico della terra.

L’humus è così importante perché è un vero e proprio fertilizzante completamente naturale, che riesce a sostituire la maggior parte delle volte tutte quelle sostanze nocive e dannose che i nostri terreni sono costretti ad assorbire. Per questo semplice motivo che prima abbiamo tirato in causa il biologico. L’agricoltura biologica infatti sostiene e accetta l’humus di lombrico tra le sostanze utilizzabili.

 

allevamento di lombrichi

 

Come avviare concretamente un allevamento di lombrichi

Il terreno adatto per avviare un allevamento di lombrichi deve essere in una zona collinare oppure a livello del mare, di fatto i lombrichi non sopportano le fredde temperature di montagna. La temperatura ideale di sviluppo e crescita si aggira attorno ai 25 gradi.

Bisogna prestare particolare attenzione alle caratteristiche del terreno, per questo motivo è importante tenere sempre e costantemente sotto controllo la temperatura, il ph e l’umidità.

Per iniziare questa attività, il costo iniziale non è importante come per altri tipi di agricoltura, vedi ad esempio il tartufo, ma si limita a una spesa che si aggira attorno ai 2.000 euro. Questa cifra compre i costi per lo stock iniziale di lombrichi e per il letame.

Visto la possibilità di avviare un allevamento lombrichi a un costo così contenuto, questa idea di allevamento si posiziona tra le più innovative e realizzabili del momento. Questa idea si sposa molto bene con chi crede che la chimica stia impoverendo la qualità della nostra vita e che è meglio quindi concentrarsi su altri tipi di risorse, prime tra tutte quelle naturali e rinnovabili.

Vuoi scoprire come farti conoscere se lavori nel settore agricolo? Scopri la nostra pagina: pubblicità in agricoltura!

Come avviare un allevamento di lombrichi. Tutto ciò che c’è da sapere ultima modifica: 2017-10-18T10:42:58+00:00 da Nicole

Articoli correlati